Scomode verità per l’amministrazione Americana

Fabrizio Pace – Continuano a emergere verità inquietanti dal sito internet Wikileaks dove sono archiviati molti dei file riguardo le azioni militari degli States in Iraq. Si parla di interrogatori con torture effettuati dai militari Iracheni nei confronti di connazionali arrestati e di molti civili uccisi per errore durante i controlli, i check point americani. Si è inoltre trovato qualcosa in più riguardo il caso Callipari che riguarda noi italiani da molto vicino. Il nostro 007 ucciso dal fuoco amico. Quello che sembrò un incidente alla fine si è scoperto essere un tranello. La rivelazione è stata fatta in confessione da Sheik Husain uomo di Al Queada. È stato proprio lui ad avvisare gli alleati che un’auto con esplosivo si dirigeva verso l’aeroporto e invece in quell’automobile si trovava anche Nicola Callipari, che portava in salvo la giornalista Italiana, precedentemente sequestrata, Sgrena. Sarebbe così svelato l’incomprensibile gesto dei soldati USA. Con la pubblicazione di quel sito stanno venendo alla luce tante, forse troppe cose che sono andate male durante la guerra in IRAQ. Certo l’amministrazione dello stato più potente del mondo, con tutta questa fuga di notizie, non sta facendo una bella figura poiché si scoprono le operazioni militari non fatte con le giuste procedure e gli errori che ne sono conseguiti. La riflessione che ci costa fare è che la guerra è orribile in qualsiasi periodo, e da qualsiasi latitudine la si osservi.

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager