Sanità, certificato un debito per 1,2 miliardi di euro

Il “tavolo massicci”, tavolo tecnico del Governo che si occupa del disavanzo delle Regioni italiane in materia di sanità, dopo essersi occupato dei problemi di Lazio e Campania, ha analizzato i conti in rosso della nostra Regione, e ha dato il via libera alle cifre precise. I Ministeri che hanno partecipato al conteggio, hanno riconosciuto un debito commerciale di 1,2 miliardi di euro. A darne notizia sono stati proprio i vertici della Regione che hanno partecipato all’incontro con i ministeri del Lavoro e dell’Economia. Il presidente della regione, Giuseppe Scopelliti, che era presente all’incontro in qualità di commissario straordinario per la sanità calabrese, ha avuto il via libera all’accesso ai fondi Fas, a copertura del debito fino al 31 dicembre 2008. Inoltre ha avuto il via libera per l’accesso ai mutui a tasso agevolato, per ripianare la parte del debito relativa al quadriennio 2001-2005. I rappresentanti del Governo hanno espresso in linea di massima un parere positivo sul riequilibrio ospedaliero calabrese. I rappresentati regionali quindi si sono detti fiduciosi di poter utilizzare una prima tranche di 800 milioni di euro per rimediare a detta loro, ai debiti della precedente amministrazione. Inoltre è stato ipotizzato che la cifra di 1,2 miliardi di euro possa ancora diminuire per effetto della conciliazione tra aziende e fornitori e di numerosi atti transattivi. All’appuntamento, erano inoltre presenti i due sub commissari Giuseppe Navarria e il Generale della Guardia di Finanza, Luciano Pezzi, il Direttore Generale Franco Zoccali, il Dirigente Generale del Dipartimento salute Antonino Orlando e altri dirigenti. Tutti i rappresentanti calabresi si sono detti fiduciosi, e sperano che alla prossima riunione tecnica, ci possa essere il via libero definitivo al piano di rientro regionale.

Salvatore Borruto

Recommended For You

About the Author: Salvatore Borruto