Nuove regole europee per la maternità

Abbiamo già trattato l’argomento nei giorni scorsi, oggi approfondiamo la riflessione su un’importante sentenza della corte europea: con 390 voti a favore, 192 contrari e 59 astensioni l’Europarlamento ha approvato l’innalzamento a 20 settimane di maternità pagata al 100% per tutte le mamme d’Europa e 14 giorni di paternità obbligatoria con stipendio pieno. Una sentenza importante che regolamenta una situazione lavorativa da sempre protagonista di un annoso dibattito. La maternità in tema di lavoro è stato sempre oggetto di studi di giurisprudenza e non si è mai riuscito a trovare un accordo che ha pienamente soddisfatto sindacati e datori di lavoro. L’innalzamento a venti settimane di maternità pagata è comunque un passo importante perché consente alle neo mamma di restare a casa per cinque mesi in modo tale da essere presente nei giorni più importanti al post-parto e poter svolgere un’adeguata svezzamento del bambino. Ma l’Unione Europea si è espressa anche nei confronti dei papà che avranno due settimane di ferie obbligatorie con stipendio pieno. E’ un’altra decisione questa a favorire l’assestarsi di una famiglia che viene scossa dal lieto evento e che ha bisogno di tempo per poter riorganizzarsi. L’Unione Europea adesso dovrà dare le direttive ai governi centrali per rendere attuabile questa nuova sentenza che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 2011. Ci saranno, a breve, altre decisioni riguardo allo Statuto dei lavoratori europei che sono in agitazione per cercare di ottenere le migliori condizioni possibili nello svolgere le rispettive attività.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola