Rubi? Non più

Un’altra bufera mediatica si è abbattuta sul presidente del consiglio . Questa volta si è tornati a parlare di scandalo sessuale ed anche sulle nostre pagine virtuali precedentemente si  è letto riguardo l’accaduto quando  il presunto scandalo  era da poco noto.  Al momento l’unica verità ufficiale è che Ruby ,oggi la diciottenne  Karima Rashida el Marhug, ha detto chiaramente che le sue dichiarazioni vennero strumentalizzate dalla stampa per far intendere un rapporto particolare con S. Berlusconi . In verità, a quanto afferma la ragazza marocchina, lei vide il premier una volta sola ad una sua festa privata dove  lei lavorava come cameriera. Per cui niente festini a luci rosse e solo una filiale amicizia con il presidente del consiglio che pare abbia cercato di aiutare la ragazza, già fuggita altre volte dalle comunità di recupero alle quali venne assegnata per  piccoli crimini commessi. Questa è la versione ufficiale alla quale si può credere o no.  Al riguardo è stato anche ascoltato come testimone  l’ex questore V. Indolfi . Il ministro dell’interno Maroni molto risolutamente dichiara che sono state seguite tutte le procedure e la prassi del caso durante il fermo della giovane Ruby. L’unica  cosa non chiara riguarderebbe  il fatto che la ragazza in realtà non è assolutamente parente del presidente egiziano, cosi come qualcuno riferisce sia stato detto in questura per facilitarne il  rilascio. Al momento questo è l’unico punto oscuro della vicenda. Ciò che è invece lampante è lo stalking che il presidente Silvio Berlusconi subisce da parte dei media, nessun politico è stato mai soggetto a tanto. Gli esponenti dell’opposizione hanno chiesto le dimissioni del premier sfruttando questa vicenda giustificandole via via sempre in maniera diversa man mano che veniva svelato che  il BUNGA BUNGA è stato soltanto una barzelletta. Inizialmente hanno chiesto le dimissioni per la telefonata effettuata in questura  ma che, come abbiamo letto appena sopra ,durante il fermo di Ruby, si svolse  a norma di legge. In un secondo momento  il presidente del consiglio fu accusato di  aver  fatto sesso con una minorenne per poi scoprire,dalle dichiarazioni dell’interessata,che non era questa la realtà. Subito dopo si sono indignati perché il presidente Berlusconi ha suggerito ad una collega del PDL ,Nicole Minetti ,di prendere la ragazza in tutela, in modo che non andasse in una delle case famiglie dalle quali era fuggita. Infine hanno avanzato l’ultima barcollante protesta,durante una trasmissione su Rai 2, sul fatto che Berlusconi ha 74 anni per cui non può fare tardi la sera alle feste perché l’indomani deve lavorare. Questa è la politica di una parte dell’opposizione italiana che cerca scandali nella maggioranza  non trovando in se stessa  proposte serie e/o alternative a quelle di chi governa. Forse è questo il motivo per il quale gli italiani sono sfiduciati e disgustati. Tutto si è risolto in una grande bolla di sapone per quel che riguarda le accuse al premier  e con una grande popolarità  acquista dalla giovane Karima  che,come già dichiarato, vuole scrivere un libro. Rimane però aperta l’indagine per l’incresciosa realtà della prostituzione  d’alto bordo  a Milano, nella quale compariva già nel 2009, il nome della giovane marocchina. In tutta questa vicenda a prescindere che sia una montatura o no , c’è da constatare anche questa volta la fuga di notizie dalla procura con le indagini ancora in corso, un fatto questo di una gravità inaccettabile in un paese democratico.

 

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager