Intervista a Giuseppe Rizzo della Reggina Calcio

Nostro graditissimo ospite Giuseppe Rizzo fresco di convocazione in under 21.

Grazie intanto per la disponibilità.

D: Per cominciare quali sono state le tue emozioni quando il presidente Foti e Giacchetta ti hanno comunicato la tua convocazione in nazionale?

R: Non ci credevo, ho fatto finta di niente perchè pensavo fosse uno scherzo

D: Hai già avuto occasione di conoscere mister Ferrara e i suoi metodi d’allenamento?

R: No, non conosco nessuno

D: La Reggina come altre squadre puntano molto sul settore giovanile e tu, come altri tuoi compagni, provieni proprio da questo vivaio. Quanto pensi sia importante l’attività giovanile per il futuro della nazionale visti i recenti problemi?

R: Io vengo dal settore giovanile del Messina, poi dopo il fallimento il mio procuratore, l’avv. Polo Dattola, mi ha portato alla Reggina e adesso posso dire che è stata la scelta giusta perchè la società è bravissima a dare fiducia a noi giovani

D: Qual è il tuo obiettivo dopo questa convocazione?

R: Continuare a giocare nella mia squadra che è la Reggina, alla nazionale penserò se continueranno a convocarmi

D: Parliamo un po di Reggina. Cosa prova un messinese, vista la storica rivalità, a indossare la casacca amaranto?

R: Non provo niente, io tifo e tiferò sempre Messina, la Reggina è la mia squadra e sarò sempre grato alla società per la possibilità che mi sta dando.

D: Indubbiamente la vita di un calciatore è fatta di tanti sacrifici e la tua non è da meno. Viaggi ogni giorno per recarti agli allenamenti e vivi con

la tua famiglia. Cosa consiglieresti ad un ragazzino che si affaccia nel mondo del calcio?

R: Viaggio ogni giorno perchè voglio stare il più possibile vicino  alla mia famiglia. ai ragazzi dico di allenarsi duramente e mettercela sempre tutta, il lavoro paga sempre.

D: Inizio di anno strepitoso per te. Hai preso in mano il centrocampo amaranto con grande personalità. Che aria si respira all’interno dello spogliatoio?

R: E’ uno spogliatoio eccezionale fatto di bravi ragazzi giovani e tutti  con lo stesso obiettivo, e poi c’è il mister che è un grande.

D: Come giudichi questo campionato di serie B e quali sono secondo te le favorite per la promozione?

R:  Quelle che sono tra le prime  in classifica sono le favorite. il campionato è duro ma me lo aspettavo più duro, non ci sono squadre più forti di noi.

D: Dove può arrivare questa Reggina?

R: Io voglio vincere sempre

Danilo Santoro

Recommended For You

About the Author: Danilo Santoro