B dilettanti. La Viola cade a Ceglie e perde la testa della classifica

Seconda sconfitta stagionale per la Viola di coach Fantozzi che, dopo la sconfitta subita a Melfi, deve arrendersi alla MiaCard Ceglie. Che la gara non fosse semplice lo si sapeva in partenza. Ceglie, dopo aver perso sia contro Capo d’Orlando che contro Campobasso, attuale capolista del torneo, negli ultimi turni aveva mostrato segni di miglioramento infilando due vittorie consecutive contro Catanzaro e Corato. Dal canto suo la Viola, non riesce a dare continuità dopo la preziosa vittoria di domenica scorsa ai danni di Capo d’Orlando. Ma non c’è bisogno di fare drammi. I nero arancio domenica torneranno al Pala Calafiore e già da li, dovrà avvenire il pronto riscatto. Ma passiamo alla cronaca del match. Primo quarto in sostanziale equilibrio con gli ospiti al suono della sirena in leggero vantaggio 15 – 18. Il secondo periodo invece, è fatale per i reggini. I padroni di casa trascinati da un grande De Bellis, 17 per lui alla fine, riescono a mettere sotto la Viola chiudendo la seconda frazioni in vantaggio per 41 – 33. Non una serata particolarmente semplice per i reggini.  In casa Viola infatti, l’unico a mantenere i suoi standard stagionali è Claudio Cavalieri, capace di mettere 17 punti a referto con il 75% dalla lunga distanza. Il play Zampogna, vero e proprio trascinatore nella vittoria su Capo d’Orlando, in questa partita non incide e chiude il match con 4 punti e -3 di valutazione. Ma torniamo al match. Gli ultimi due periodi scivolano in un sostanziale equilibrio con i padroni di casa che riescono a mantenere il vantaggio fino al termine. Il terzo periodo si chiude 58 – 49. La Viola ci prova ma alla fine non riuscirà a rientrare definitivamente nel match, arrendendosi così a Ceglie. Al suono finale della sirena il tabellone segna Ceglie 71 Viola 62. Oltre all’ottima prestazione di De Bellis per quanto riguarda Ceglie, c’è da segnalare l’ottima gara di Da Cunha Motta, unico giocatore del match in doppia doppia, 12 punti e 13 rimbalzi per un 24 di valutazione finale molto pesante ai fini del risultato stesso. In casa Viola, sempre presente l’ottimo De Gregori che, come al solito, ha dato una grossa mano in difesa, tirando giù ben 9 rimbalzi che per un esterno, anche se atipico, sono molto significativi. Come detto in precedenza domenica la compagine reggina torna “a casa” e, sul parquet del Pala Calafiore sfiderà Bernalda, reduce dall’importante vittoria ai danni di Ragusa che certamente da aria ad una classifica deficitaria che al momento li vede all’undicesimo posto con 6 punti. Mai abbassare la guardia però. Partite semplici in questo campionato non ne esistono e la Viola ne è consapevole. Dopo tutto Ceglie docet e siamo certi che coach Fantozzi preparerà questa gara con la solita attenzione per concedere ai nero arancio un pronto riscatto.

Danilo Santoro

Recommended For You

About the Author: Danilo Santoro