E dopo il successodi Boheme torna al Teatro Francesco Cilea un grande classico della danza: Lo schiaccianoci

Ci si avvicina al Santo Natale e lo splendido spettacolo di Ciaikovskij contribuirà a dar vita alla coinvolgente atmosfera.

Un’esclusiva nazionale a Reggio Calabria, allestita dal Balletto di Sofia con una novità importantissima: per la prima volta i ballerini saranno accompagnati dall’Orchestra Francesco Cilea.

L’appuntamento col debutto in riva allo Stretto della Compagnia Bulgara è per sabato 11 dicembre  2010, alle ore 21.

Due grandi realtà messe insieme: l’eccellenza della danza bulgara con la professionalità dei musicisti calabresi, diretti dal Maestro Nayden Torodov.

Costumi e scene sono quelli dei teatri bulgari che, uniti all’unicità della danza, conferiscono alla Compagnia, ormai alla soglia del suo ottavo decennio, un livello artistico memorabile, riconosciuto con entusiasmanti recensioni dalla critica mondiale. Il balletto in due atti, con coreografie originali di Marius Petipa e Vasilij Vainonen, è uno degli spettacoli più famosi ed apprezzati dal pubblico e tra i più rappresentati nel mondo durante il periodo natalizio.

La storia, tratta dalla novella dello scrittore tedesco Hoffman, è una fiaba fatta di dolciumi, soldatini, fiocchi di neve e topi cattivi, nella quale non possono mancare il principe azzurro e la fatina. Un balletto che incanta i bambini e colpisce gli adulti.

“Come i più importanti teatri lirici – afferma il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Raffa – anche al Cilea daremo spazio al grande spettacolo di tradizione, facendo rivivere sul palcoscenico del massimo teatro reggino, la magia di “The Nutcracker”. Una rappresentazione che voglio dedicare, in particolare, ai bambini, perché possano entrare nella magica atmosfera del Santo Natale e vivere le loro prime esperienze in teatro, conservandone un dolce ricordo. Il balletto, per la prima volta verrà accompagnato dall’Orchestra e questo è il valore aggiunto dello spettacolo che tutti potranno apprezzare”.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano