Anche gli studenti britannici si ribellano

Non sono solo gli studenti italiani ad agitare le cronache politiche e non dei quotidiani , questa volta tocca ai colleghi britannici che inscenano una  massiccia protesta contro l’innalzamento delle tasse universitarie nel Regno Unito. I ragazzi infatti hanno organizzato diversi cortei, uno dei quali  in Regent Street ha persino attaccato la macchina dei reali Carlo e Camilla, facendo spaventare non poco i due malcapitati . La Roll Royce del Principe è stata oggetto del lancio di oggetti contundenti alcuni dei quali hanno affrescato la carrozzeria della macchina di variopinti colori altri hanno infranto i cristalli laterali esponendo la coppia a un rischio non indifferente. La polizia, peraltro ringraziata da Carlo d’Inghilterra,  è intervenuta prontamente a sedare le intolleranze e ci sono stati diversi feriti  in entrambi gli schieramenti. Uno studente addirittura è stato operato d’urgenza al cervello dopo un colpo subito durante un carica. Questo è il frutto della crisi economica che sta attanagliando tutto il mondo .In Europa anche il colosso Inglese ha dovuto fare ingenti tagli alle spese pubbliche e in certi casi aumentare le tasse . La verità è che qualsiasi misura economica presa in questo periodo sembra un attacco alle categorie più deboli  ma in realtà  ci si trova tutti indistintamente a gestire una situazione di emergenza  mai vista prima del 1929. Speriamo bene .

Fabrizio Pace

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager