Premiata trattoria migliore d’Italia la Taverna Kerkira di Bagnara Calabra (RC)

E’ la “Taverna Kerkira” di Bagnara Calabra (RC), il locale che da circa trent’anni propone un originale mix di cucina greca e calabrese, la migliore trattoria d’Italia. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato (ex-aequo con la trevigiana “Alla chiesa degli Artisti” di Monfumo) dall’edizione 2011 della “Guida ai ristoranti de Il Sole-24 ore” presentata in anteprima a Milano nella sede del quotidiano di Confindustria. A consegnare il premio a Fulvio Dato, titolare della Kerkira, il critico e giornalista Davide Paolini, “il Gastronauta” curatore della guida. Alla premiazione, svoltasi nell’auditorium del Sole-24 ore, hanno partecipato, tra gli altri, gli chef Ettore Boccia, Enrico Crippa, Pietro Leeman e Davide Oldani e il professor Severino Salvemini dell’Università Bocconi. Fulvio Dato, il titolare della “Taverna” bagnarese, è stato premiato con la seguente motivazione: “Rifuggendo da mode e tendenze, da 27 anni interpreta con passione e mano sicura una sua personalissima fusione tra Grecia e Magna Grecia. Nel suo localino di marinara semplicità, la tradizione calabrese e quella di Corfù si combinano in un mosaico di profumi, sapori ed emozioni gustative che esaltano il Sud più profondo, non solo in senso geografico”. Buone notizie anche per l’intera Calabria gastronomica che fa un grande balzo in avanti nella nuova “Guida ai ristoranti de Il Sole-24 ore”. Ben 34 sono gli indirizzi recensiti quest’anno nel volume curato da Davide Paolini che conta in Calabria sul contributo come autore dei testi del giornalista Gianfranco Manfredi, esperto di enogastronomia. La Guida del Sole-24 ore, giunta alla nona edizione, non assegna voti e non stabilisce graduatorie ma si propone al lettore con la sua classica formula di vademecum dell’eccellenza, selezionando i migliori esercizi per ogni tipologia. Intanto la Calabria si gode un premio importante che dà lustro alla gastronomia di una Regione che ha tanto da offrire.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola