La Regione interviene per rilanciare le aree industriali regionali

Importante iniziativa della Regione Calabria che ha annunciato nei giorni scorsi, mediante un comunicato stampa, di voler intervenire per ammodernare e dotare delle necessarie infrastrutture le principali zone industriali della provincia di Cosenza e, tra queste, quelle strategiche dell’area urbana Rossano-Corigliano. Gli interventi trovano copertura finanziaria nelle risorse liberate del POR Calabria 2000-2006. Il finanziamento complessivo accordato al Consorzio di Sviluppo Industriale della Provincia di Cosenza (ASI), presieduto da Diego Tommasi, ammonta a 6 milioni di euro. Con l’approvazione del Piano Regionale per le Infrastrutture Produttive, le cui opere dovrebbero passare in attuazione nella prima metà del 2011, la Regione ha inteso completare il quadro degli interventi necessari al rilancio delle aree industriali regionali. La decisione della Regione è stata particolarmente apprezzata dal consigliere regionale del Pdl Giuseppe Caputo, riconoscente nei confronti del Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. «Settore dopo settore – ha affermato Caputo – dalla sanità alla cultura, dalla programmazione economica allo sviluppo delle attività produttive, si tocca con mano l’attenzione, nuova e diversa rispetto al passato, della Giunta regionale rispetto alle concrete esigenze di ammodernamento, gestione delle emergenze e di sviluppo dei territori calabresi». «Per le zone industriali di Rossano e di Corigliano, destinatarie negli anni passati di false promesse – ha proseguito Caputo – si giunge a un punto di non ritorno: partiranno quei lavori di qualificazione e di infrastrutturazione invano invocati dalle aziende e attesi come indispensabile condizione di normalità per poter operare e progettare ulteriori investimenti e occasioni di occupazione. Si tratta di interventi cruciali che produrranno, tra l’altro, risparmi per gli enti locali, difesa dell’ambiente, risparmio energetico. Ci si appresta a sanare un pesantissimo gap a esclusivo danno delle realtà produttive ed economiche destinate invece, in condizioni ottimali, a essere il più duraturo motore economico della Sibaritide. Il risultato è la conseguenza della capacità di ascolto e della collaborazione dimostrate dall’assessore alle Attività produttive, Antonio Stefano Caridi. In più occasioni Caridi ha avuto modo di incontrare e confrontarsi con gli imprenditori attestando loro un approccio nuovo, rispetto a istanze legittime e aspirazioni di sviluppo condivise. Nell’area urbana registriamo un altro importante e concreto risultato, nella complessiva inversione di tendenza impressa a tutti gli ambiti di competenza regionale dal presidente Scopelliti, sostenuta e messa in atto dagli assessori della Giunta e condivisa dalla maggioranza». «Nei prossimi giorni – conclude Caputo – terremo un incontro ad hoc, coinvolgendo gli imprenditori delle due zone industriali alla presenza del Presidente dell’Asi, Diego Tommasi, e dell’assessore Caridi, per confrontarci meglio nel merito delle importanti novità annunciate».

Filippo Turiano

Recommended For You

About the Author: Filippo Turiano