Tagli ai dirigenti statali

Per i dirigenti della pubblica amministrazione è in arrivo una sforbiciata sugli stipendi: dal 2011 infatti, secondo quanto prevede la manovra economica approvata questa estate, i trattamenti complessivi dei singoli dipendenti della pubblica amministrazione, anche di qualifica dirigenziale, superiore ai 90.000 euro saranno ridotti del 5% (per la parte eccedente il limite). Il taglio vale fino al 31 dicembre 2013. La manovra prevede un taglio più consistente per le buste paga ancora più pesanti: per gli stipendi superiori a 150.000 euro infatti – si legge nell’articolo 9 – il taglio della retribuzione sarà del 10% per la parte eccedente questa cifra. La cura dimagrante delle buste paga vale a maggior ragione per gli uffici di diretta collaborazione dei ministri: per loro infatti ci sarà un taglio del 10% “sull’intero importo dell’indennità”. Il taglio delle retribuzioni per dipendenti e dirigenti “non opera a fini previdenziali” e il calcolo dell’assegno si farà sulla base delle retribuzioni “ante-taglio”. Un messaggio importante questo da parte del Governo che dimostra sensibilità in un momento di grave crisi economica. E’ chiaro che i compensi rimarranno sempre corposi ma quanto meno è un primo passo per far capire che si cercherà di andare incontro alle esigenze dei lavoratori statali la cui retribuzione ha avuto una grossa svalutazione dall’entrata in vigore dell’Euro.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola