La Corte dei Conti “bacchetta” le amministrazioni locali della Calabria per l’edilizia scolastica

Ritardi e lentezze. La sezione di controllo per la Calabria della Corte dei Conti “bacchetta” le amministrazioni locali della regione in materia di edilizia scolastica. Nel triennio 2007-2009, a fronte di somme rese disponibili dalla legge 23/96 sull’edilizia scolastica per oltre 13 milioni di euro sono stati spesi, in Calabria, solo 648 mila 726 euro pari a poco meno del 5% del totale. Dalla relazione della Sezione regione di Controllo per la Calabria, presentata a Catanzaro, spuntano rilievi in materia di gestione del patrimonio scolastico, la programmazione e i profili strategici, i criteri per la provvista e l’assegnazione delle risorse e la consistenza e gestione degli interventi. Dalla relazione viene fuori, in particolare, che dal 93,10% di risorse erogate, pari a 4 milioni 507 mila euro nel primo triennio (1996-1999) di applicazione della legge 23, si è passati al 90,10% (5 milioni 323 mila euro) del triennio seguente fino al 2001, e ancora all’87,54% per 7 milioni 137 mila euro per il periodo 2003-2004. La relazione evidenzia, tra l’altro, uno stato di avanzamento delle opere “alquanto lento e disomogeneo” e circostanze temporali, unite alle risorse non utilizzate, che “prefigurano il rischio di nuove rideterminazioni di costi e programmazione”. Viene rilevata la “pressoché inesistente attività di monitoraggio e informazione sull’avanzamento fisico e finanziario delle opere” e “l’inadeguatezza delle progettazioni iniziali. Una situazione che va definita al più presto onde evitare altri disagi in un settore fondamentale per la crescita di una regione.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola