Consuntivo Fantozzi per stagione Viola versione 2010-11

La stagione sportiva della Viola versione 2010-11 è andata in archivio. Adesso, dopo la vicenda iscrizione, sono state già effettuate le prime mosse per preparare la prossima annata. Per prima cosa, la dirigenza ha confermato l’allenatore della splendida cavalcata del passato campionato. Alessandro FAntozzi ha chiuso la sua prima stagione da capo allenatore in Serie B Dilettanti con un bilancio positivo e con l’impressione è che la sua carriera da tecnico possa regalargli tante soddisfazioni. FAntozzi è stato un giocatore d’altissimo livello che ha calcato i palcoscenici più importanti del basket europeo in momento storico in cui il basket produceva grandi talenti e muoveva cifre importanti. Alessandro era un regista dalla grande visione di gioco ed un leader in campo delle squadre che lo hanno avuto in roster fra le quali la Viola, precisamente nella stagione 1994-95 quando i reggini si chiamavano Pfizer ed erano capaci di portare in riva allo stretto una quarta scelta del draft NBA come Randhy White. FAntozzi ha chiuso la carriera al Sud, precisamente a Capo d’orlando, una città che lo ha adorato per il contributo offerto tanto da intitolargli il PAlazzetto dove l’Upea gioca le gare interne, fra l’altro, teatro della serie finale dei play-off in cui la sua Viola è stata superato proprio dalla sua ex squadra. Ma, nonostante la sconfitta in finale, i neroarancio hanno fatto ampiamente il loro dovere arrivando fino in fondo nonostante tante difficoltà. A questi livelli, non è facile sopperire agli infortuni dei tuoi uomini chiave come è successo nel caso di Ruggeri e Cavalieri; in queste categorie non è facile creare un gruppo compatto in campo e fuori, pronto a sacrificarsi per il compagno di squadra senza pensare a numeri e statistiche; in quarta serie, non è facile difendere come ha fatto la Viola di quest’anno che ha avuto momenti impressionanti nella propria metà campo, arrivando anche a far segnare meno di cinquanta punti in un gara agli avversari, situazione accaduta in più di un’occasione; in attacco, la Viola ha distribuito tiri e responsabilità sfruttando il potenziale di una squadra versatile e che non dava punti di riferimento agli avversari. Fantozzi ha tirato fuori il meglio del gruppo e lo ha fatto rendere al di sopra delle proprie possibilità. La gente reggina ha apprezzato tanto il lavoro dell’ex play del Messaggero e si ha avvicinata alla squadra che ha mandato un messaggio positivo ad un città delusa da alcune annate che definire negative è un autentico eufemismo. Conferma strameritata dunque per un giovane allenatore che vuole continuare la sua crescita in una piazza prestigiosa come quella di Reggio Calabria.

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola