Via libera al piano di salvataggio della Grecia

Dopo circa sette ore di discussione, è arrivato il tanto atteso via libera al piano di salvataggio della Grecia dal default finanziario. Il secondo pacchetto di aiuti si aggirerà su una cifra di 160 miliardi di Euro, un intervento straordinario che farà in modo di salvare il paese ellenico dalla bancarotta. L’intesa fra Sarkozy e la Merkel ha dato i frutti sperati, e i mercati finanziari di tutta Europa stanno letteralmente volando sull’onda dell’entusiasmo. Un piano Marshall del ventunesimo secolo, attraverso l’intervento del settore finanziario su base volontaria per scambio di bond, “rollover” e “buyback” per una cifra che secondo sarà pari a 135 miliardi in 30 anni. Inoltre è stata estesa la formula del prestito “salva stati” da sette anni e mezzo a un minimo di quindici anni, fino a un massimo di trenta.

Al termine dell’incontro il presidente francese Nicolas Sarkozy ha precisato che: «Abbiamo deciso di supportare la Grecia come membro dell’euro e dell’eurozona. E’ un impegno formale che tutti i Paesi dell’euro hanno deciso di essere al fianco della Grecia». Il presidente Ue Herman van Rompuy, fa eco alle parole del presidente Sarkozy: «Hanno dato oggi una risposta comune alla crisi del debito sovrano della Grecia con un piano al cui finanziamento parteciperà anche il Fondo monetario internazionale. Abbiamo preso tre importanti decisioni pienamente sostenute da tutti per alleggerire il debito greco, fermare il rischio di contagio e migliorare la gestione della crisi della zona dell’euro». Jean Claude Trichet, presidente della Bce ha detto: «Al momento non lo sappiamo e non voglio pregiudicare cosa succederà. Esprimo soddisfazione per il fatto  che la partecipazione delle banche è stabilita su base volontaria e non obbligatoria, così come chiesto dalla Banca centrale europea».

Per adesso la reazione dei mercati è alquanto positiva, tutti i mercati europei hanno invertito la tendenza negativa sull’onda dell’entusiasmo per l’approvazione del salvataggio. Piazza Affari sta letteralmente volando dopo le transazioni negative dei giorni scorsi, trascinata dai titoli bancari al rialzo, e dalla postilla comunicata a coda della riunione, sulla positiva manovra dei conti del Parlamento italiano.

Salvatore Borruto

Recommended For You

About the Author: Salvatore Borruto