Giorgio Napolitano: “Abbiamo bisogno di scelte solide di medio o lungo periodo”

E’ uno dei messaggi che ha lanciato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un collegamento in videoconferenza al Workshop Ambrosetti di Cernobbio: “Facciamo e faremo quel che dobbiamo fare specie per ridurre decisamente il nostro debito pubblico”…C’è un po’ di confusione ultimamente in Italia,e la questione “naturale”delle preoccupazioni è sempre legata all’economia.Con l’avvicendarsi dei vari governi,lotte di partito,e manovre finanziarie per sanare il debito pubblico, il nostro Paese ancora non è salvo,e nemmeno sano;la strada ancora è lunga,ma l’impegno delle Istituzioni che dovrebbe assicurare costanza e continuità,è il mezzo,anzi uno dei mezzi per riuscire ad assicurare un minimo di stabilità.“Nel processo per l’approvazione della manovra occorre che vengano, ora e nel prossimo futuro, con chiarezza e certezza di intenti e di risultati, al di là di ogni inclinazione nocivi, compiute le mosse necessarie per il raggiungimento dei risultati del paese, anche per evitare l’insorgere di antiche diffidenze”.Durante l’intervento in videoconferenza,il Presidente della Repubblica,ha mostrato di essere interessato e preoccupato allo stesso tempo per le generazioni future.Negli ultimi dieci anni la crescita è rallentata fino al ristagno,e ciò non è certo incoraggiante per le generazioni che verranno,una lenta e disastrosa discesa che non lascia spiragli per progetti ed entusiasmi collettivi.L’obiettivo del pareggio di bilancio è il problema principale in questo momento,anche se i mezzi per risanare questo “buco nero economico” non sono ancora ben chiari.Molta teoria,in attesa che si tramuti in pratica,e molte contraddizioni fanno sorgere qualche dubbio sull’efficace attuazione della manovra finanziaria,ma è importante come ha voluto sottolineare Giorgio Napolitano che le forze politiche sia della maggioranza che dell’opposizione si confrontino per confermare l’obiettivo.

Annamaria Milici

Recommended For You

About the Author: Annamaria Milici