Nuova Jolly, anche l’U19 maschile, vince il titolo provinciale

Nuova Jolly-Viola 64-52

Parziali: 20-15/ 25-27/ 45-36

Nuova Jolly: Vozza C. 9, Costa D. 22, Suraci 11, Caccamo 8, Rizzo 8, Federico 3, Costa R. 2, Settimio, De Fazio, Ielo, Traina. All. Ortenzi. Ass. Vozza Roberta.

Viola: Cuzzola 9, Speranza 10, Viglianisi 16, Vazzana 9, Luccisano 3, Iero 5, Panzera, Coppola, Laganò, Osmatescu. All. D’Agostino. Dopo le vittorie nella scorsa settimana, del titolo provinciale dell’under 15 maschile, e dell’under 17 regionale femminile, la Nuova Jolly continua a dare conferme. È arrivata anche la vittoria contro la Viola, che ha sancito la selezione Under 19 maschile dei jollyni, campione provinciale. La supremazia continua ad essere assoluta da parte della Nuova Jolly nei campionati giovanili, e questa ne è l’ennesima riprova. Passando alla gara, ottima la prova di Dario Costa, calatosi da subito con la giusta concentrazione nel match, e che ha guidato i suoi al parziale di 18-2 con il quale il match si era incanalato per il verso sperato dai ragazzi di coach Ortenzi. Ma proprio i componenti della Nuova Jolly, come sta accadendo ormai da tempo, danno attraverso il lavoro di gruppo la migliore parte di sé. Vozza è un metronomo oliato alla perfezione in cabina di regia, e quando decide di alzare i ritmi, sono dolori per gli avversari. Anche in difesa i play reggino, concede poche sbavature. Sotto le plance benissimo i vari Suraci e Caccamo, senza dimenticare gli apporti dei positivi Rizzo, Settimio e Federico, che hanno svolto un lavoro importante, in momenti delicati della gara. Adesso la Nuova Jolly U19, incontrerà nella seconda fase, la prima classificata della provincia di Cosenza, mentre la Viola se la vedrà contro la prima della provincia di Catanzaro. Le vincenti si giocheranno la finalissima regionale e solo chi uscirà vittoriosa, potrà far parte del concentramento regionale che si terrà nel Lazio dal 30 aprile al 2 di maggio.

Fabrizio Cantarella – Addetto Stampa Nuova Jolly Basket 

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Cantarella