Vai a…

Direttore Responsabile – Fabrizio Pace

Ilmetropolitano.itsu Google+Ilmetropolitano.it on YouTubeRSS Feed

Jazz che passione: Ania Paz


 

Ania Paz

We are pleased to have a guest on our virtual pages Ania Paz, pianist and composer of international standing. Hello Ania and welcome

Siamo lieti di avere ospite sulle nostra pagine virtuale Ania Paz , pianista e compositrice di caratura internazionale. Ciao Ania e bentrovata

-Thank you Fabrizio, ciao e molte grazie.

Have you started to study music and play the piano as a child and how did this passion in you?

Hai iniziato a studiare musica e suonare il piano da bambina e come è nata in te questa passione ?

  • Even though my parents are both engineers, I was very inspired by both of them. My mother studied classical piano, and I would always hear her play in our living room. That motivated me a lot, and I wanted to play like her. My father didn´t play, but was always very enthusiastic about music. In his family, some people sang and played Peruvian music from the coast. My parents also took me regularly to live concerts of the Symphonic Orchestra since I was 4 years old, plus they had a large collection of recordings of all times, from the Palestrina Mass and Gregorian Chants to Stockhausen, Boulez, Prokofiev, etc. My father woke us up to go to school with the trombones of Wagner´s Walkyries or the Choir in Latin of Bach`s B minor Mass, very loud both. They also took us to other performances such as Ballets and Theater Plays. I was always very moved by performing arts, and as a child already explored multidisciplinary expressions.
  • Anche se i miei genitori sono degli ingegneri hanno contribuito entrambi alla nascitqa della mia passione verso le musica. Mia madre ha studiato pianoforte classico e mi è sempre piaciuto sentirla suonare nel nostro salotto . Questo mi ha molto motivato tanto da voler imitarla . Mio padre non ha mai suonato, ma ès empre stato molto bendisposto per la musica. Nella sua famiglia alcuni membri hanno cantato e suonato musica peruviana della costa. I miei genitori mi portarono regolarmente, sin dall’età di 4 anni , ai concerti dal vivo dell’Orchestra Sinfonica ed hanno avuto sempre una vasta collezione di registrazioni di tanti periodi diversi dalla Messa Palestrina e Canti gregoriani a Stockhausen, Boulez, Prokofiev. Mio padre ci ha svegliato per andare a scuola con i tromboni delle Valchirie di Wagner e con il coro in latino della Messa di Bach in sì minore, entrambi molto forti . Ci hanno anche sempre portato ad altri eventi musicali quali balletti e spettacoli teatrali. Sono stata sempre molto attratta dalle arti dello spettacolo, e come una bambina ho esplorato le espressioni multidisciplinari.

You are Peruvian, you started your career in your country and then begin to travel around the world as make new experiences and this new cultures has enriched ur professional-life?

Sei peruviana , hai iniziato la tua carriera nel tuo paese per poi iniziare a viaggiare per il mondo ,come ti ha arricchito professionalmente conoscere nuove culture fare delle nuove esperienze?

  • Yes. I started studying in my country, and then chose to study music in Germany first. My main interest at that time was classical music, and the classical tradition and education infrastructure in Germany are excellent, it was an amazing experience for me. I specially learned a lot from my teacher Günther Herzfeld. I was also exposed to great concerts there, and was able to perform with great musicians. Then I studied in Philadelphia, which was also an amazing experience, specially because I fell in love with jazz, improvisation, grooves, etc. This is when I started composing a lot and finding my own voice and personality in music. I also was exposed to great concerts, musicians and inspirations there. My experience working in Santo Domingo has always been wonderful. I love the special sensitivity of musicians and audiences. the beautiful nature, the joy and positivism, and the rhythmical and cultural richness. I think every culture has influenced me, and every detail I feel connected with becomes a part of me and my artistic language.
  • Sì. Ho cominciato a studiare nel mio paese, e poi ha scelto di studiare musica in Germania. Il mio interesse principale in quel momento era la musica classica e la tradizione classica e le infrastrutture scolastiche in Germania sono eccellenti per cui è stata un’esperienza incredibile per me.Infatti ho imparato molto dal mio maestro Günther Herzfeld. Ho partecipato a grandi concerti lì, e ho suonato con grandi musicisti. In seguito ho studiato a Philadelphia, anch’essa un’esperienza incredibile, soprattutto perché mi sono innamorata del jazz, dell’improvvisazione, del grooves , ecc così ho iniziato a comporre molto e a trovare la mia voce e la mia personalità nella musica. Ho avuto modo di partecipare a grandi eventi musicali ,suonare con musicisti ed trovare nuove ispirazioni. La mia esperienza di lavoro a Santo Domingo è sempre stata meravigliosa. Amo la particolare sensibilità dei musicisti ,questo pubblico, la bellezza della natura, la gioia e il positivismo, e la ricchezza ritmica e culturale. Mi ci sento legata .Credo che ogni cultura mi ha influenzato, e sento che ogni dettaglio è diventato una parte di me e del il mio linguaggio artistico.

Now living in Santo Domingo, and your compositions are appreciated by the people in an extraordinary way to recognize the Caribbean both a socio-cultural value that goes beyond the music. You run too Ania Paz Jazz Ensemble, as and when did this project?

Oggi vivi a Santo Domingo e le tue composizioni sono apprezzate in maniera straordinaria dal popolo caraibico tanto da riconoscerne un valore socio-culturale che va al di là della musica. Dirigi anche l’Ania Paz Jazz Ensamble , com’è e quando è nato questo progetto??

  • I feel very thankful to work with the great musicians of the Ania Paz Jazz Ensamble: Virgilio Féliz Junior on bass; Félix Cabral on the drums; and Juamy Fernández on the percussion. We have been playing together for 7 years as a group, and we perform mostly my original compositions. Our main focus is a new sound in contemporary Latin Jazz. With discipline and dedication, we work experimentally with our rhythmical afro-latin roots, and with the Jazz language of harmony, improvisation and form. The many years together have given us a special chemistry and energy, which is espressed and transmitted in every performance.
  • Sono molto contenta di lavorare con i grandi musicisti della Ania Paz Jazz Ensamble: Virgilio Feliz Junior al basso; Félix Cabral alla batteria, e Juamy Fernández alle percussioni. Abbiamo suonato insieme per 7 anni come un gruppo, e eseguiamo la maggior parte le mie composizioni originali. Il nostro obiettivo principale è creare un nuovo suono contemporaneo al Jazz latino. Con disciplina e dedizione, lavoriamo e sperimentiamo i nostri ritmi mescolando le nostre radici afro-latine con l’armonia, l’improvvisazione e la forma del linguaggio Jazz. I molti anni insieme ci hanno dato una chimica speciale e l’energia, che viene espresse e trasmesso in ogni performance.

We perform every 3rd Wednesday of the month at a beautiful place called Lucia, in the Colonial Zone of Santo Domingo.

Ci esibiamo ogni terzo Mercoledì del mese in una bella località chiamata Lucia, nella zona coloniale di Santo Domingo.

Who inspires you the great jazz composers of the past?

A chi ti ispiri dei grandi compositori Jazz del passato ?

  • I listen to all kinds of music, and many great musicians inspire me. Among the classical composers I feel inspired by Prokofiev, Rachmaninoff, Débussy, Bach, Scriabin, Chopin, Stravinsky, etc. Among the Jazz composers and musicians I feel inspired by Egberto Gismonti, Billy Childs, Herbie Hancock, Keith Jarrett, Jeff Gardner, Gonzalo Rubalcaba, Steve Coleman, Alfio Origlio, Eliane Elias, etc. I also feel inspired by many spanish and latin american musicians and composers such as Ketama, Juan Luis Guerra, Gilberto Santa Rosa, Chabuca Granda, etc.
  • Ascolto tutti i generi di musica, e molti grandi musicisti mi ispirano. Tra i compositori classici mi sento ispirata da Prokofiev, Rachmaninoff, Debussy, Bach, Scriabin, Chopin, Stravinskij, ecc Tra i compositori e musicisti jazz mi sento ispirata da Egberto Gismonti, Billy Childs, Herbie Hancock, Keith Jarrett, Jeff Gardner, Gonzalo Rubalcaba, Steve Coleman, Alfio Origlio, Eliane Elias, ecc mi sento anche ispirata da molti musicisti spagnoli e latino-americano e compositori quali Ketama, Juan Luis Guerra, Gilberto Santa Rosa, Chabuca Granda, ecc

You have received numerous awards, what is that you remember with most satisfaction and why?

Hai ricevuto numerosi premi , qual’è quello che ricordi con più soddisfazione e perché?

Just to be able to perform my compositions and to actually hear what I conceive is an enormous satisfaction for me, I love composing. I like very much the fact that I have received composition awards in genres that are very different from each other. This encourages me to keep exploring styles and fusions. The symphonic composition prize was very special to me, since I enjoy very much orchestrating. I was able to play with many different textures and instrumentation possibilities.

Poter eseguire le mie composizioni e ascoltare ciò che ho concepito è una soddisfazione enorme per me. Mi piace molto il fatto che ho ricevuto premi per composizioni in generi che sono molto diversi tra loro. Questo mi incoraggia a continuare ad esplorare gli stili e le fusioni tra di essi. Il premio di composizione sinfonica è stato molto speciale per me, perché mi piace molto orchestrare. Sono stato in grado di giocare con tanti text differenti e tanti strumenti.

[nggallery id=166]

Here are some of your CD: Festejo Dominican Ania Paz Jazz Ensemble, and Una Mujer Feliz Meta Arara, which are more attached and why?

Ecco alcuni dei tuoi CD : Festejo Dominicano, Ania Paz Jazz Ensamble, Meta Arará e Una Mujer Feliz, al quale sei più legata e perché?

  • I love all of them. They all contain mostly my original work, and I would say, as a composer, I feel always more attached to my most recent composition, it is like the new baby. However, many times I go back to old compositions and re-arrange them, creating something new out of them. I would say that my favourite CD is therefore the last one, since it shows more maturity of all of us (the Ania Paz Jazz Ensamble), as individuals and as a group. We recently recorded the 5th CD, which will be available soon.
  • Io amo tutte quello che ho fatto. In tutti c’è il mio lavoro , però mi sento sempre più legata alla mia composizione più recente è come avere una nuova creatura. Tuttavia, molte volte torno a composizioni vecchie e le ri-arrangio, creando qualcosa di nuovo da loro. Direi che il mio CD preferito è quindi l’ultimo, in quanto dimostra più maturità di tutti noi (l’Ania Paz Jazz Ensamble), come individui e come gruppo. Abbiamo recentemente inciso il CD 5, che sarà presto disponibile.

7Your next project? Would you talk about?

Il tuo prossimo progetto? Ce ne vuoi parlare?

There are a few projects I would like to mention.

  • I have been producing the Ania Paz Jazz Series, an initiative that integrates all or our cultural richness into Jazz, thanks to theMinistry of Tourism of the Dominican Republic. Under the motto, “everything can be a part of Jazz, and Jazz is for everyone¨, we create new music and arrangements for every event,  where many great artists from all styles and artistic disciplines participate. We have integrated Merengue, Rap, Poetry, among others. Some of the artists that have participated are Xiomara Fortuna, Peña Suazo, Pavel Núñez, Rando Camasta, Elsa Liranzo, Diego Mena, Ramón Vázquez, Helen de la Rosa, Albertico Iznaga, etc. In addition, through multimedia, textes, and several messages we inspire our community to beautiful values that are part of the artist´s life style,such as creativity, discipline, positivism and happiness. We encourage to create original works and new trends in our legacy. An important part of this project is to bring Jazz to communities that don´t usually have access to this style, which we have done in Cristo Rey, Los Guandules and Manchay.

I would also like to mention a recent concert we had with Angelika Niescier and her group Sublim. She is an excellent saxophon player and composer from Germany. Thanks to the Embassy from Germany in the Dominican Republic, the Goethe Institut in Mexico, and the German Dominican Center in Santo Domingo, we presented the concert called “Mujeres en el Jazz”. Both groups participated, individually and together. This was a wonderful experience and interaction. (http://www.santo-domingo.diplo.de/Vertretung/santodomingo/es/06__Cultura_20y_20Educacion/SUBLIM__Konzert__Seite.html)

Another very important project I have been involved with, is the campaign of ACNUR (=Alto Comisionado de las Naciones Unidas para los Refugiados) called “Convivir Conto..es Vivir con tolerancia” (=Living with everything…is living with tolerance). I recently directed and produced for them, and thanks to the sponsorship of the European Union and the Ministry of Culture of the Dominican Republic, the concert called “Voces Inmigrantes en República Dominicana¨. Many artists from different countries such as myself, who live in the Dominican Republic, participated, expressing through our art our gratitude to the country where we find a space to develop our artistic work freely, showing this way the importance of living with tolerance and solidarity. Therefore the repertoire was very special. On one hand, it showed the cultural roots of everyone, showing the different colors of world music. On the other hand, it showed the result of transculturization and our experience working in the Caribbean. The beautiful thing was that, in spite of coming from different countries, we all felt united by our experiences here. The artists that participated are Manuela Rodríguez from Argentina, Tadeu de Marco from Brazil, Militza Iankova and Victor Mitrov from Bulgaria, Alexandro Seguí from Cuba, Henri Hebrard from France, Berthony Jolibois from Haiti, Milena Zivkovic from Serbia, and Yanela Hernández and Toné Vicioso from the Dominican Republic. I conducted a band which gave me also many orchestrating possibilities, and we integrated dance, poetry, theatre and multimedia. I explored many unconventional combinations too. ( http://do.municipiosaldia.com/index.php/opinion/arte/voces-inmigrantes-en-republica-dominicana.html)

I am very happy to be involved in a second initiative of this sort, for the same campaign. It is really a pleasure and an honnor to communicate such important social messages through our artistic work.

Ci sono alcuni progetti che vorrei menzionare.

Ho prodotto l’ Ania Paz Jazz Series, un’iniziativa che integra tutta la nostra ricchezza culturale nelJazz, grazie al Ministero del Turismo della Repubblica Dominicana. Sotto il motto “ogni cosa, può essere una parte del Jazz, e Jazz ¨ è per tutti, creiamo nuova musica e le modalità per ogni evento, alla quale hanno partecipato molti grandi artisti provenienti da tutti gli stili e discipline. Abbiamo integrato Merengue, Rap, Poesia, tra gli altri. Alcuni degli artisti che hanno partecipato sono Xiomara Fortuna, Peña Suazo, Pavel Núñez, Rando Camasta, Elsa Liranzo, Diego Mena, Ramón Vázquez, Helen de la Rosa, Albertico Iznaga, ecc Inoltre, attraverso la multimedialità, testi, e diversi messaggi ispiriamo la nostra comunità ai migliori valori che fanno parte dello stile di vita dell’artista, come la creatività, la disciplina, il positivismo e la felicità. Noi incoraggiamo a creare opere originali e le nuove tendenze della nostra eredità. Una parte importante di questo progetto è quello di portare Jazz alle comunità che di solito non hanno accesso a questo stile, lo abbiamo fatto in Cristo Rey, Los Guandules e Manchay.

Vorrei anche menzionare un recente concerto che abbiamo avuto con Angelika Niescier e il suo gruppo Sublim. Lei è un ottima sassofonista e compositrice proveniente dalla Germania. Grazie alla ambasciata dalla Germania nella Repubblica Dominicana, il Goethe Institut in Messico, e il Centero domenicano tedesco di Santo Domingo, abbiamo presentato il concerto denominato “Mujeres en el Jazz”(Donne in Jazz). Entrambi i gruppi hanno partecipato, singolarmente e insieme. Questa è stata una meravigliosa esperienza d’interazione.

Un altro progetto molto importante, nel quale sono stata coinvolta, è la campagna di ACNUR (Alto Comisionado de las Naciones Unidas para los Refugiados) denominato “Convivir Conto .. es Vivir con tolerancia” (= Vivere con tutto … è vivere con la tolleranza). Recentemente ho diretto e prodotto per loro il concerto denominato “Voces Inmigrantes en República Dominicana , grazie al sostegno dell’Unione Europea e del Ministero della Cultura della Repubblica Dominicana. Molti artisti provenienti da paesi diversi come me, che vivono nella Repubblica Dominicana, hanno partecipato, esprimendo attraverso la nostra arte la nostra gratitudine al paese dove troviamo uno spazio per sviluppare il nostro lavoro artistico liberamente, mostrando in questo modo l’importanza di vivere con la tolleranza e la solidarietà . Pertanto il repertorio era molto speciale. Da un lato, ha mostrato le radici culturali di tutti, evidenziando i diversi colori della world music. D’altra parte, ha mostrato il risultato di transculturizatione e la nostra esperienza di lavoro nei Caraibi. La cosa bella era che, pur provenendo da paesi diversi, ci siamo sentiti tutti uniti dalle nostre esperienze qui. Gli artisti che hanno partecipato sono Manuela Rodríguez proveniente dall’ Argentina, Tadeu de Marco dal Brasile, Militza Iankova e Victor Mitrov dalla Bulgaria, Alexandro Seguí da Cuba, Henri Hebrard dalla Francia, Berthony Jolibois da Haiti, Milena Zivkovic dalla Serbia, e Yanela Hernández e Tone Vicioso dalla Repubblica Dominicana. Ho condotto una band che mi ha dato anche molte possibilità di orchestrare, e abbiamo integrato danza, poesia, teatro e multimedia. Ho sperimentato molte combinazioni anche non convenzionali.
Sono molto felice di essere coinvolto in una seconda iniziativa di questo tipo, per la stessa campagna. E ‘davvero un piacere e un onore comunicare questi messaggi sociali così importanti attraverso il nostro lavoro artistico.

Thanks and hope to meet you soon in Italy.

Grazie e speriamo di averti presto in Italia.

  • I hope to come to Italy soon too! It is a beautiful country with wonderful people!
  • Spero di venire presto  anche  in Italia! E ‘un paese bellissimo con persone meravigliose!
Be Sociable, Share!

Potrebbero interessarti:

Sognando Faber: una Storia "Giusta"
L.M.: Com’è nato il ...
SONIA TOPAZIO
Ciao Sonia è un piac...
Intervista a Valeria Marrara, ballerina professionista
All'interno del  Cen...
Gioia Tauro: il 10 l'11 ottobre, 1° Incontro di Formazione Orchestrale
GIOIA TAURO (RC) - M...
Otello Profazio è Premio Tenco 2016
Quando Otello Profaz...
Concerto del pianista Alberto Idà alla Casa della Cultura per gli Amici della musica di Palmi
Palmi – Sabato 18 ma...

Tags: , , , , ,

Altre storie daA TU PER TU

About Annalisa Brivio