Il Caotico PD

assemblea-pd-3“Tagliamo la testa al toro, anche se non mi spetta: la mia indicazione è di fare il congresso entro novembre”, questa è la dichiarazione un po’ stizzita di Epifani, attuale “Caronte” del PD, eletto per traghettare il partito fino al prossimo congresso dopo la “debacle” elettorale di Bersani che ha portato alla quasi totale “diaspora” degli elettori e sostenitori del partito. Ma ora sembra che il caos regni sovrano, se prima si potevano notare poche correnti interne ed erano rappresentate da Renzi, D’alema, Bersani e Bindi, ora sembrano esplose in mille altre correnti. “Serve una figura di segretario rivolta all’impegno prevalente del partito” continua Epifani con le sue dichiarazioni, aggiungendo che il congresso deve partire dai livelli locali e “procedere rapidamente”, lasciando invece aperto il nodo su come si dovrà eleggere il prossimo leader del partito convocando delle “primarie aperte”. “Se siamo uniti non ci batte nessuno” così rincara il Premier Letta, e continuando dichiara : “Ci vogliono doveri da parte di tutti. Dobbiamo decidere insieme e poi percorrere quella strada”. Il premier ha detto di condividere “nel profondo” il ragionamento di Cuperlo sulla necessità di un partito che discuta ma sia unito nelle decisioni. “Serve un segretario che faccia il segretario e che lavori a preparare un partito che quando ci saranno le nuove condizioni sia pronto a vincere”.bersani-renzi-300x225 Queste le dichiarazioni “autorevoli” poi arrivano dichiarazioni a cascata di altri esponenti e tutte diverse eccone alcuni esempi:
– “Con le regole ipotizzate da Epifani, il prossimo segretario del Pd sarà Tafazzi, riservare le primarie ai soli iscritti significa praticare una eutanasia di gruppo” dichiara Andrea Marcucci. – “Il concetto è semplice: tutte le primarie sono aperte, ciascuno secondo la propria logica” Bersani.
– “Quando nacque il Pd, finì un governo; non vorrei che sia nato un governo di necessità e finisca il Pd” Bindi.
– “La mia idea è che il candidato premier vada scelto con primarie aperte e senza albo mentre credo giusto che il segretario venga eletto dagli iscritti nel modo più coinvolgente possibile” Franceschini.
– “Franceschini troppo spregiudicato. Per elezione segretario mi limiterei piu prudentemente a dipendenti PD e staff ministri” Roberto Giachetti.
E potremmo continuare ancora….
C_2_articolo_1108471_imageppTutti sembrano contro tutti, ognuno dice la sua, giustamente, ma un minimo di “riservatezza” no potrebbe far altro che giovare ad un partito che sembra esploso e senza fiato, e che non sembra ancora essersi ripreso “dall’avventura” delle elezioni e della creazione del governo.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi