Semplificazione: a quota 100mila le pratiche online allo Sportello unico delle Camere di commercio

 suapSuperata la soglia delle 100mila pratiche pervenute ai Suap dei 3.051 comuni italiani che hanno affidato la gestione dei propri sportelli alle Camere di commercio dall’avvio, nell’aprile del 2011, della riforma di questo strumento. Sono infatti 102.227 le pratiche che ad oggi sono stata inviate per via telematica tramite un professionista o direttamente dall’interessato e che, dopo essere state immediatamente protocollate, la relativa ricevuta che consente di dare avvio all’attività è stata inviata per posta elettronica certificata al domicilio elettronico dell’imprenditore e, contestualmente, è stata fatta la prevista comunicazione al Repertorio economico e amministrativo della competente Camera di commercio. Il tutto nello spazio di pochi minuti, senza code agli sportelli, né costi di spostamento per l’impresa o il professionista. Significativo il numero delle pratiche telematiche pervenute sino all’11 settembre ai SUAP gestite in delega dalle Camere di Commercio Commercio calabresi: 5.975 pratiche ai 166 SUAP sui 409 comuni calabresi . “Il traguardo delle 100mila pratiche online gestite dai Suap camerali ha un valore non solo simbolico, ma soprattutto concreto: è la dimostrazione che il sistema sta funzionando e dunque ha le carte in regola per essere messo a disposizione di tutte le imprese italiane, non solo di quelle che operano nei territori in cui le Camere sono partner dei comuni”. Così il commento del presidente di Unioncamere Italiana, Ferruccio Dardanello, al superamento della frontiera delle 100mila pratiche totalmente online passate dagli Sportelli per le attività produttive gestiti dalle Camere di commercio, su delega o in convenzione con i comuni titolari del servizio.  Con riferimento alla procedura automatizzata, che costituisce l’85% delle pratiche, il Suap camerale consente di dare realmente avvio all’attività d’impresa in un giorno. I vantaggi maggiori di quest’architettura derivano dal gestire l’intero ciclo della pratica mediante le tecnologie della rete e dall’avere standardizzato modulistica e procedure per la maggior parte degli adempimenti. In alcuni casi, come in Veneto, questi vantaggi raggiungono tutte le imprese grazie ad un accordo tra Regione, Anci e Camere di commercio. Una best practice che potrebbe essere adottata immediatamente in altre regioni e che consente alle imprese di ciascun comune – per la procedura più semplice – di dialogare sostanzialmente con lo stesso Suap, utilizzando solo la procedura online e sulla base dei medesimi adempimenti.

“L’Italia – ha aggiunto il Presidente di Unioncamere Italiana – ha un bisogno estremo di tornare ad essere competitiva e una pubblica amministrazione efficiente può essere determinante per migliorare le performance delle imprese e favorire il rilancio di consumi e occupazione.Per vincere questa sfida, dobbiamo mettere da parte i particolarismi e far prevalere il buon senso: che significa standardizzare gli adempimenti necessari e cancellare quelli, e sono ancora molti, inutili e costosi”.

Secondo una recente indagine condotta dal Ministero dello sviluppo economico sul funzionamento dei front-office degli Sportelli Unici delle Attività Produttive operanti in Italia, il processo di informatizzazione dei Suap è stato avviato nella quasi totalità dei casi ed è in continua evoluzione. Il problema non è solo completarel’informatizzazione del Suap, ma soprattutto realizzarela standardizzazione dei servizi all’utenza. Un’impresa che abbia la necessità di operare in territori vari, è costretta ad apprendere tante modalità operative diverse quanti sono i Suap con cui si deve rapportare. Lo stesso discorso vale per le modulistiche che deve “rintracciare” presso Suap diversi, che a volte differiscono in modo sostanziale anche in relazione allo stesso adempimento.

Il contesto operativo del Suap

La riforma dello Sportello Unico per le Attività Produttive (art. 38 d.L. 112/2008 e d.P.R. 160/2010) ha mantenuto l’attribuzione al Comune della funzione di Sportello Unico, indicando anche le modalità con cui questa può essere esercitata (art.4 del d.P.R. 160/2010), in forma singola o associata con accreditamento presso il Ministero dello Sviluppo Economico; in convenzione con la Camera di Commercio competente per territorio o mediante delega alla Camera degli aspetti organizzativi e strumentali.

Al 31 agosto 2013 i comuni accreditati presso il Ministero dello Sviluppo economico e con Suap operativamente autonomi sono 5.197; i comuni che, in delega o convezione, operano in convenzione con la locale Camera di commercio sono 3.051 (il 37,7% del totale).

Distribuzione regionale dei SUAP gestiti dalle Camere di commercio e delle pratiche svolte nel periodo 1 aprile 2011 – 11 settembre 2013

REGIONE

Comuni

SUAP in delega/convenzione alle Camere di commercio

Pratiche telematiche gestite da SUAP Camerale nel periodo

1 aprile 2011- 11 settembre 2013

ABRUZZO

305

94

889

BASILICATA

131

107

6.825

CALABRIA

409

166

5.975

CAMPANIA

551

299

8.864

EMILIA ROMAGNA

348

0

0

FRIULI VENEZIA GIULIA

218

95

1.366

LAZIO

378

167

4.141

LIGURIA

235

177

469

LOMBARDIA

1.544

596

23.361

MARCHE

239

12

129

MOLISE

136

50

845

PIEMONTE

1.206

378

8.764

PUGLIA

258

138

7.679

SARDEGNA

377

0

0

SICILIA

390

150

987

TOSCANA

287

0

0

TRENTINO ALTO-ADIGE

333

116

641

UMBRIA

92

0

0

VALLE D’AOSTA

74

0

0

VENETO

581

506

31.292

ITALIA

8.092

3.051

102.227

Fonte: Unioncamere – InfoCamere

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano