Natale di musica e allegria al Centro Polivalente per i giovani/Caffè delle Arti

1461197_368182286652723_183350058_nIl Natale prosegue inesorabile il suo percorso feriale e il Centro Polivalente per i Giovani/Caffè delle Arti né scandisce il ritmo e l’armonia dei colori attraverso un nuovo week-end tutto in musica, rigorosamente made in Calabria.

Si comincia venerdì 27 dicembre alle h. 22.30 con il “Sexual White Christmas…..and Friends”, in compagnia dei Sexual White Chocolates. La camaleontica resident band di Via Fontana Vecchia aprirà le danze natalizie con il suo inconfondibile repertorio Funky, soul e R.&B. anni ’70 e ’80, mescolato alla colorita e patinata presenza scenica, caratterizzata dagli sgargianti look glam rock e una dinamica ed esplosiva presenza scenica, capace di unire grande tecnica musicale a libero e scanzonato divertimento.

Una serata per tutti i gusti all’insegna dell’allegria che ci condurrà, anzi ci tratterrà nel magico mondo della cultura sperimentale degli anni ’70, sabato 28 dicembre alle 22.00 con la “Prog….Night” del Caffè delle Arti.

Una serata all’insegna del nuovo linguaggio musicale a Km 0 a cura di due delle più versatili formazioni del panorama locale. Ad aprire il sipario Faust & The Malchut Orchestra, la band che dal 2012, porta in scena il repertorio del musicista compositore Fausto Bisantis; non una vera orchestra, bensì una sorta di power trio di rock orchestrale, che strizza l’occhio al progressive e all’istrionismo zappiano degli anni’70, attraverso la commistione di suoni analogici e tecnologie moderne e un ripiegamento verso i territori del blues e del funky. La band terminerà così il tour di presentazione dell’ultimo album “20.000 Windows” partito ad aprile proprio dal foro di Via Fontana Vecchia.1503954_10201262733834498_1665687161_n

A seguire un’altra solida e consolidata realtà del progressive nostrano; Le Hibou che, del 2006 impostano il proprio metodo compositivo sulla totale assenza di limiti convenzionali e precostituiti, lasciando completamente aperte le porte alla contaminazione.

L’unica esigenza della band è quella di instaurare, attraverso la musica, un canale comunicativo “altro” rispetto a quello verbale.

La festa della musica si concluderà domenica 29 dicembre alle 22.00 con i Three Steps, progetto acustico per chitarra e voce composto da musicisti provenienti da realtà diverse ma affini; Alex Abruzzese, Salvatore Dragone (Mad Shepherd) e Aldo Ferrara (Nimby), che proporranno un repertorio tutto all’insegna del rock; dal grunge degli Alice in Chains, al cross over dei Linking Park, passando per lo stoner dei Queen of the Stone age e tanto altro.

Un week end musicale per tutti i gusti e per tutte le esigenze, che evidenzia la natura sempre più multiforme del Caffè delle Arti, al primo posto nella riaffermazione dell’arte e dei suoi modelli al centro della Città.

558890_666732090043651_1286988940_n

 

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano