Qualificazioni Europeo Femminile, domani a Coimbra Portogallo-Italia (ore 21.00 locali). Ricchini: “Partita complicata”

FIPDopo il successo con l’Estonia ottenuto domenica a Lucca, secondo appuntamento delle qualificazioni all’Europeo 2015 per la Nazionale Femminile. Domani sera a Coimbra (ore 21.00, le 22.00 in Italia) le Azzurre affrontano il Portogallo nella prima delle tre trasferte consecutive (poi Lettonia ed Estonia in sequenza) che un calendario quantomeno bizzarro ha assegnato quest’anno alla Nazionale di Roberto Ricchini. La squadra ha raggiunto Coimbra nella notte, dopo aver volato su Lisbona, e oggi ha svolto un doppio allenamento in preparazione alla partita di domani: nessun problema fisico condiziona le scelte di Ricchini anche se  ovviamente le fatiche per la partita vinta con l’Estonia e poi quelle per il lungo trasferimento fino a Coimbra devono essere smaltite in queste poche ore. Nella prima giornata, il Portogallo è stato sconfitto in Lettonia ma ha disputato una partita molto convincente: in parità al termine dei primi due quarti, la formazione lusitana è scivolata fino a -20 nel terzo periodo ma poi è stata capace di tornare sul -10 nel finale e di spaventare Babkina e compagne. Un ottimo esordio, quindi, per una squadra che non vanta un pedigree prestigioso ma che negli ultimi anni è decisamente cresciuta. “Ci aspetta un’altra partita complicata – ha spiegato Roberto Ricchini – e queste qualificazioni ci stanno insegnando che le cosiddette squadre materasso in Europa non ci sono più: a Riga il Portogallo ha giocato praticamente alla pari, è una squadra con pochi centimetri ma tanta cattiveria agonistica, che interpreta una pallacanestro aggressiva sui due lati del campo e si appoggia a un paio di lunghe rapide e dinamiche. Dovremo essere bravi a controllare il ritmo e a trovare le giuste spaziature in attacco, confido che il successo sull’Estonia sia servito alle ragazze per ritrovare fiducia e autostima, dopo le brutte sconfitte accusate nel periodo di preparazione”.
Portogallo-Italia
(Coimbra, ore 21.00 ora locale, le 22 in Italia)
PORTOGALLO
4 Daniela Domingues (’92, guardia, 1.76)
5 Jessica Almeida (’93, playmaker 1.74)
6 Michelle Brandao (’91, guardia, 1.69)
7 Ana Oliveira (’83, guardia-ala, 1.78)
8 Dora Duarte (’86, ala, 1.74)
9 Laura Ferreira (’95, ala, 1.80)
10 Ines Faustino (’92, guardia, 1.69)
11 Lavinia da Silva (’88, centro, 1.86)
12 Francisca Braga (’90, ala-centro, 1.80)
13 Carla Nascimento (’86, guardia, 1.71)
14 Sofia Silva (’90, centro, 1.87)
15 Aurelie Pinto (’92, ala-centro, 1.88)
Coach: Ricardo Vasconcelos
ITALIA
4 Chiara Consolini (’88, guardia, 1.85)
5 Francesca Dotto (’93, playmaker, 1.70)
6 Chiara Pastore (’86, playmaker, 1.75)
7 Giorgia Sottana (’88, guardia, 1.75)
9 Martina Fassina (’88, ala, 1.82)
10 Lavinia Santucci (’85, ala, 1.85)
11 Raffaella Masciadri (’80, ala, 1.85)
12 Laura Spreafico (’91, ala, 1.81)
13 Martina Crippa (’89, guardia, 1.78)
15 Maria Laterza (’89, centro, 1.91)
20 Martina Sandri (’88, ala-centro, 1.89)
21 Cecilia Zandalasini (’96, ala, 1.82)
Coach: Roberto Ricchini
Prima giornata
Italia-Estonia 66-58; Lettonia-Portogallo 71-61
Classifica Girone C
Italia, Lettonia 1-0; Portogallo, Estonia 0-1.
Seconda giornata (11 giugno)
Portogallo-Italia; Estonia-Lettonia
Terza giornata (15 giugno)
Lettonia-Italia; Estonia-Portogallo
Quarta giornata (18 giugno)
Estonia-Italia; Portogallo-Lettonia
Quinta giornata (22 giugno)
Italia-Portogallo; Lettonia-Estonia
Sesta giornata (25 giugno)
Italia-Lettonia; Portogallo-Estonia
Gli impegni dell’Italia
8 giugno Italia-Estonia 66-58
11 giugno Portogallo-Italia (Coimbra)
15 giugno Lettonia-Italia (Riga)
18 giugno Estonia-Italia (Tallinn)
22 giugno Italia-Portogallo (Ragusa)
25 giugno Italia-Lettonia (Ragusa)
LE SQUADRE
Girone A: Lussemburgo, Polonia, Slovacchia, Slovenia
Girone B: Belgio, Gran Bretagna, Lituania, Macedonia
Girone C: ITALIA, Estonia, Lettonia, Portogallo
Girone D: Finlandia, Germania, Montenegro, Ucraina
Girone E: Paesi Bassi, Russia, Svezia
Girone F: Bulgaria, Croazia, Israele
LA FORMULA
Il Second Qualifying Round vede in campo 22 squadre, rimangono da assegnare 11 posti in vista dell’EuroBasket Women 2015 che si giocherà in Romania e Ungheria: le partite si giocheranno a giugno (8, 11, 15, 18, 22 e 25), quattro i gironi da quattro squadre e due da tre. Si qualificano le prime di ogni gruppo e le cinque migliori seconde: il calcolo delle seconde verrà effettuato eliminando, per i gironi da quattro, i risultati ottenuti contro l’ultima squadra del gruppo. Sono già certe di un posto i due Paesi ospitanti (Ungheria e Romania), le prime sei squadre dell’EuroBasket Women 2013 che a settembre saranno impegnate nel Mondiale in Turchia (Spagna, Francia, Turchia, Serbia, Bielorussia, Repubblica Ceca) e infine la Grecia, che si è imposta nel Qualification Round dello scorso anno.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano