Trasporti Pubblico Locale (tpl) – Lanzetta: rese disponibili le risorse a valere sul fondo per lo sviluppo e la coesione 2007/2013

Lanzetta1)     Al fine di consentire  la rimozione dello squilibrio finanziario derivante dagli oneri relativi all’ esercizio 2013 posti a carico del bilancio della regione e concernenti i servizi di trasporto pubblico regionale e locale, nonché di assicurare per il biennio 2014/2015 un contributo straordinario per la copertura dei costi del sistema di mobilità regionale di trasporto pubblico locale, la Regione Calabria è autorizzata  ad utilizzare le risorse ad essa assegnate  a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo di programmazione 2007/2013 nel limite massimo di 40 milioni di euro per il 2014  e di 20 milioni di euro per il 2015. a condizione che vengano implementate le misure che la regione deve attivare ai sensi dell’ articolo 16 bis del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, per un più rapido raggiungimento degli obiettivi di riduzione di costi rispetto ai ricavi effettivi, in linea con quanto stabilito dal decreto legislativo 19 novembre 1997 numero 422. A tal fine la regione Calabria  integra, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il piano di riprogrammazione da approvare con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze.

2)     il piano deve prevedere il contenimento dei corrispettivi a treno/km prodotti, attuato tramite iniziative di razionalizzazione dell’offerta e riqualificazione dei servizi e un  corrispettivo medio bus/ km  che rispecchi la media rilevata nelle principali regioni italiani.
Il piano deve altresì prevedere la fissazione di tariffe che tengano conto della tariffa media applicata a livello nazionale per passeggero/km, ed inoltre un rapporto tra ricavi da traffico e corrispettivo da regione non inferiore al trasporto locale20%.
Il piano deve dimostrare che, stanti le misure di efficientamento adottate e tenuti fermi gli standard di qualità,  la prosecuzione nell’ erogazione del servizio di trasporto pubblico locale dall’anno 2016 avvenga senza ulteriori contributi straordinari.

3)      le risorse sono rese disponibili, dentro il predetto limite di 60 milioni di euro complessivi, previa rimodulazione degli interventi già programmati a valere sulle risorse stesse.

4)     Per il 2014, le risorse finalizzate alla copertura degli oneri relativi all’ esercizio 2013 sono disponibili, nel limite di 20 milioni di euro, previa delibera della Giunta regionale di rimodulazione delle risorse ad essa assegnate a valer sul Fondo per lo sviluppo e la coesione, adottata previo parere favorevole dei Ministeri delle infrastrutture e dei trasporti, dell’ economia e delle finanze e dello sviluppo economico.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano