“Un solo obiettivo: ama il prossimo tuo come te stesso”

 “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Con questa affermazione il Presidente di Liberi di Ricominciare, Paolo Ferrara, apre l’odierna e affollata conferenza stampa ufficializzando – in presenza del dott. Giacomo Bertone Segretario Nazionale Organizzativo UDCP, Unione Democratica Consumatori e Pensionati – l’adesione della quarta lista a sostegno del progetto politico fortemente voluto da Liberi di Ricominciare, Cittadinanza Mediterranea e Movimento Autonomo Alternativo.

Anna Quattrocchi, Paolo Ferrara, Giacomo Bertone e Antonio Sapone
Anna Quattrocchi, Paolo Ferrara, Giacomo Bertone e Antonio Sapone

Paolo Ferrara: “Si sta dimostrando sempre più incisiva la volontà di costituire un gruppo “alternativo” aperto e allargato a tutte le realtà associative volte a intendere la politica come missione incondizionata al servizio del cittadino. Oggi la presenza del Segretario Nazionale di un movimento che in più occasioni ha espresso rappresentanze parlamentari, non solo da una maggiore credibilità al lavoro finora svolto, ma ci proietta chiaramente ad una panoramica non più territoriale, ma nazionale.  Abbiamo deciso di trattare una tematica davvero delicata come le politiche sociali che, di certo, saranno di priorità assoluta nel nostro programma, in quanto considerate come la vera e unica “risorsa” per far ricominciare Reggio, dove, il commissariamento ha prodotto effetti devastanti per le realtà più  deboli ed indifese. In questi interminabili anni bui, infatti, abbiamo spesso subito sulla nostra pelle l’affermazione “dobbiamo risparmiare” esternata da chi non si è posto il minimo scrupolo di azzerare servizi essenziali per garantire, magari, incentivi economici biennali a favore di numerosi dirigenti, funzionari e dipendenti specializzati. È bene sottolineare che risparmiare non vuol dire eliminare un servizio, ma ottimizzare al meglio lo stesso evitando eventuali sprechi.  Di certo bisogna ripristinare i servizi essenziali come il gratuito trasporto per gli ultrasettantenni, le navette di “Nonni a Spasso” e garantire la riapertura di centri di aggregazione “ever green” per permettere lo svolgimento di attività sportive, come il ballo.  In dettaglio, occorre riscrivere il patto sociale sui servizi fondamentali con lo scopo non solo di migliorare l’offerta dei sevizi, oggi quasi nulli grazie all’incapacità amministrativa dei commissari, ma anche perfezionare la qualità delle prestazione messe in atto a sostegno delle situazioni di fragilità”. Per Mimmo Latella in rappresentanza di Cittadinanza Mediterranea: “siamo sulla strada giusta, insieme all’amico Paolo Ferrara stiamo trattando, spesso con coraggio, le problematiche che quotidianamente ci chiede la gente e, purtroppo, il problema delle politiche sociali è un’enorme piaga da cui la città ne deve uscire”. A concludere la conferenza Giacomo Bertone Segretario Nazionale Organizzativo UDCP che, col suo intervento passionale, ha infiammato l’intera platea: “L’articolo 1 della costituzione recita che la REPUBBLICA ITALIANA è UNA REPUBBLICA FONDATA sul lavoro  e per questo asserisce che OGNI ITALIANO HA DIRITTO A UN SALARIO, A UNA OCCUPAZIONE A UNA SUSSISTENZA”. Se questo non è possibile il dovere dello stato è quello di dare al cittadino una certezza di sussistenza, per cui si rivendica l salario come diritto di cittadinanza. Questo non vuol dire dilatare l’assistenzialismo, ma recuperare la dignità  per chi oggi disoccupato è alla mercè dello sfruttamento. Ribadiamo per questo che i salari e quindi anche le pensioni devono “ essere dignitose e rivalutate nel tempo” (art. 36). Per questo i PENSIONATI rivendicano la separazione della  ASSISTENZA ( deve ricadere sulla fiscalità generale) dalla PREVIDENZA (art 38 e 47 della costituzione). A questi temi generali che ci contraddistinguono nel panorama  politico, riscontriamo come nella realtà reggina il commissariamento ha agito senza tener conto delle reali esigenze della popolazione. Infatti, tra i principali punti programmatici, noi proponiamo: il ripristini della gratuità per la mobilità cittadina per gli ultra settantenni; l’istituzione d un banco alimentare coordinato tra un ENTE COMUNALE DI ASSISTENZA ( E.C.A.) e le situazioni della carità esistenti  in un coordinamento cittadino; l’utilizzo dei pensionati per funzioni sociali quali “vigili del traffico” a servizio delle scuole; l’istituzione dello sportello del CITTADINO CONSUMATORE, PENSIONATO, DISOCCUPATO, con funzioni di orientamento e indirizzo; la realizzazione di una banca dati con l’indicazione delle varie professionalità, per l’avvio ai concorsi ed agli impieghi; riutilizzazione in base alle qualifiche ed alle professionalità di tutti quei dipendenti delle municipalizzate, oggi in mobilità, che sono in attesa della definizione della loro posizione lavorativa. Per realizzare  nostri obiettivi e programmi abbiamo la necessità di proporre una razionale candidatura a sindaco, sinceramente abbiamo già il nome e, vista l’imminente scadenza elettorale, a giorni la nostra coalizione alternativa lo presenterà alla città”.

Ufficio Stampa LDR

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano