Don Oreste Benzi: parte l’inchiesta

Il 27 settembre a Rimini la prima sessione pubblica del processo per la causa di beatificazione

Papa GiovanniÈ stata fissata per il 27 settembre alle ore 16 la Sessione di apertura del Processo diocesano sulla vita, virtù e fama di santità di don Oreste Benzi, fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII, che per la Chiesa è già «servo di Dio». L’evento si terrà presso la Parrocchia La Resurrezione di Rimini (conosciuta anche come Grotta Rossa), di cui lo stesso don Oreste è stato fondatore nel 1968 e vi è rimasto parroco per 32 anni. Questa prima sessione, come anche l’ultima, è un momento aperto al pubblico a cui possono partecipare tutti i fedeli e sarà presieduta dal Vescovo di Rimini mons. Francesco Lambiasi. «All’inchiesta pubblica – precisa Elisabetta Casadei, postulatrice della Causa – si arriva solo dopo che sono stati vagliati dai periti teologi gli scritti di don Oreste, sia quelli pubblicati e quelli non editati, e dopo che è stata conclusa la ricerca dei documenti storici da parte della Commissione storica che compie la verifica documentale degli scritti». Chiusa la fase documentale, dunque, si possono sentire i testimoni. La chiesa si trasforma per l’occasione in una vera e propria aula di tribunale. «In questa prima sessione giureranno tutti gliOfficiali dell’Inchiesta – continua la postulatrice – cioè il Giudice, che in questo caso sarà donGiuseppe Tognacci, il Promotore di Giustizia (il cosiddetto avvocato del diavolo) che sarà padreVictorino Casas Llana, e i Notai, che saranno due, perché i testimoni saranno tanti: il notaio principale è il signor Alfio Rossi». Poi il turno del giuramento toccherà anche alla postulatrice,Elisabetta Casadei e al vice postulatore mons. Fausto Lanfranchi. «Tutti devono giurare di adempiere fedelmente il loro incarico e di mantenere il segreto d’ufficio». Sarà inoltre citato il primo testimone. L’iter per l’avvio della causa era partito con la consegna della richiesta al vescovo di Rimini da parte del responsabile della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Ramonda, il 27 ottobre 2012, durante la celebrazione conclusiva del convegno dedicato a “Don Oreste Benzi, testimone e profeta per le sfide del nostro tempo”. Il 24 ottobre 2013 la postulatrice, la teologa Elisabetta Casadei aveva consegnato al vescovo di Rimini, monsignor Francesco Lambiasi, la richiesta formale di aprire la causa, dopo un anno di ricerche circa la “fama di santità” di don Benzi, sostenuta da molte lettere tra cui quelle di 9 cardinali, 41 vescovi italiani e 11 vescovi e arcivescovi stranieri, oltre a vari movimenti ecclesiali e, naturalmente, della stessa Comunità Papa Giovanni XXIII. Il vescovo Lambiasi aveva quindi inviato la richiesta di nulla osta alla Congregazione delle cause dei Santi, che aveva dato parere favorevole in data 3 gennaio 2014. Dopo il parere favorevole della Conferenza episcopale dell’Emilia Romagna raccolto durante l’assemblea del 31 marzo, il vescovo Lambiasi ha reso pubblico il Decreto, che porta la data dell’8 aprile 2014, in cui si dispone «che si apra il Processo sulla vita, virtù e fama di santità» di don Benzi e invita «tutti i fedeli a fornire notizie utili» facendogli pervenire eventuali «autografi, lettere e ogni altro scritto del Sac. Oreste Benzi» di cui fossero in possesso.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano