I trasformisti di Reggio: Fino a ieri con il centrodestra, oggi si candidano con Falcomatà

elezioni-votoIl rappresentante più eclatante é lui, Nicola Paris da Arangea. Per anni consigliere circoscrizionale del centrodestra, eletto a palazzo San Giorgio nel 2011 tra le fila di Reggio Futura (lista del “mondo Scopelliti”) a sostegno di Demetrio Arena, e ancora fino a qualche mese fa contrattualizzato al gruppo regionale della lista Scopelliti Presidente: ecco lui, Nicola Paris, é il capofila dei transfughi, dei riciclati, dei trasformisti in salsa reggina: di coloro che per anni hanno governato con il centrodestra e oggi si candidano con Falcomatà sindaco. Il sindaco della “svolta” tanto per capirci. Quello che, in una delle sue ultime uscite pubbliche aveva detto “no agli ex del centrodestra”. I fatti dicono il contrario. Ma non é il solo Paris anzi é in buona compagnia. Nella lista del Centro Democratico (quella del consigliere regionale Pasquale Tripodi, altro uomo capace di cambiare schieramento con la stessa facilità con cui un essere umano si cambia gli indumenti intimi giornalmente) c’è Saverio Anghelone. Figlio di Paolo Anghelone, già consigliere comunale di maggioranza con Scopelliti Sindaco e addirittura Assessore alle attività produttive nella Giunta di Demetrio Arena. Il figlio Saverio ha deciso di “sfiduciare” il padre cambiando casacca: oppure sarà stato lo stesso padre a suggerirgli il cambio? Sta di fatto che Falcomatà gli uomini (e quindi i voti) del centrodestra se li è presi e messi in lista perché si sa, una conferenza stampa ad effetto è buona, ma venti voti sono ancora meglio. Al diavolo gli schizzinosi radical chic, si pensa alla sostanza nel centrosinistra. Si pensa tanto alla sostanza che nella lista di A Testa Alta si trova candidato Emiliano Imbalzano, in passato consigliere di circoscrizione nel 2011 eletto a palazzo San Giorgio: indovinate con chi? Nella maggioranza di centrodestra guidata da Arena! Anche per lui la folgorazione sulla via di Falcomatà deve essere avvenuta in questi ultimi mesi. E infine, la chicca: Stefania Eraclini, la figlia di Giuseppe: storico presidente (di destra) della circoscrizione sbarre, ex consigliere provinciale (con il centrodestra) ex consigliere comunale (con il centrosinistra) e dichiarato INCANDIDABILE a seguito dello scioglimento del consiglio stabilito nel 2012. In uno stato atipico, dunque, il figlio di un incandidabile è candidabile.Anche la moglie di un incandidabile…è candidabile, chiedere per informazioni ad altre liste. A palazzo San Giorgio, sabato scorso giorno di presentazione, una battuta primeggiava su tutte: “hanno candidato più uomini del modello reggio Tripodi e Falcomatà che lo stesso Scopelliti”. Ma sapete che forse non è una battuta sbagliata!!

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano