PD: Tfr in busta paga, “una patrimoniale sui lavoratori”

 

euro2di PepGiann – La “ bella novità” della collocazione in busta paga della liquidazione maturata  stabilisce solo un  aumento delle tasse “per tutti i lavoratori  che hanno il Tfr nel settore privato”. Nei propositi del Governo Renzi  la misura è scaturita per cercare di rilanciare i consumi: invece sarà  un’effettiva e propria patrimoniale a carico dei lavoratori. Poiché questa manovra racchiude solo aggravi tributari sui risparmi creati da fondi e pensioni integrative: come dire si tassa non la ricchezza ma la gestione di risparmi con finalità assistenziali e previdenziali. Realizzando  alcune rappresentazioni di scenari futuri non tanto ipotetici, si presumerebbe un aumento della imposizione fiscale sui fondi pensione dall’11,50% al 20%. Per il Tfr accantonato in azienda, all’opposto, la tassazione passerà dall’11% al 17%. «Su un risparmio ipotetico accantonato in un fondo pensione di 40mila euro e con un rendimento del 3%, si verseranno 102 euro all’anno in più allo Stato. Per il Tfr accantonato in azienda, prevedendo una liquidazione di 20mila euro e un rendimento del 3%, si tratta quindi di altri 41 euro all’anno di maggiore prelievo». Conti che fanno da contraltare a quelli disegnati da Renzi con grande eloquenza, che ha considerato in un centinaio di euro al mese l’aumento delle entrate in busta paga per stipendi netti di circa 1.300 euro.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano