A scuola di catanzaresità, i ragazzi delle scuole cittadine riscoprono la loro città

Parte il progetto identità e territorio organizzato dall’associazione Catanzaro è la mia città

identità e territorioCenni generali sulla storia della città, la Fondazione, la Conquista e la difesa della libertà, il Risorgimento ed il Periodo post unitario: questi gli argomenti che Sabato 14 Febbraio l’Associazione ‘Catanzaro è la mia città’ affronterà con i bambini delle scuole elementari e medie del plesso Patari-Rodari. Ad accompagnare i piccoli studenti Mario Mauro, storico e socio fondatore di Catanzaro è la mia Città ed un giovanissimo Giangurgolo, la maschera catanzarese, interpretato da un eclettico Pierpaolo Vallone. A tale proposito l’Associazione vuole ringraziare la signora Giovanna Tomasello che con grande abilità manuale ha saputo realizzare, utilizzando tessuti semplici, un vero e proprio capolavoro di sartoria. “ E’ come assistere alla nascita di una creatura tanto desiderata ed attesa – ha dichiarato il presidente dell’associazione Francesco Vallone- per noi tutti è la ricompensa all’impegno di lunghi mesi di preparazione difficile ed intensa”. “Quale giorno migliore per un “debutto” se non quello dedicato all’amore- ha sottolineato Anna Zampina, vicepresidente di ‘Catanzaro è la mia città’- l’amore per il nostro capoluogo, che ha mosso noi sette soci fondatori ad intraprendere questa avventura. Abbiamo lavorato tanto, con pochi e scarsi mezzi, ma con immensa e profonda passione”. Il progetto ‘Identità e Territorio’, realizzato dall’ Associazione e patrocinato dal Miur, è rivolto alle scuole elementari e medie e coinvolgerà, in questa sua prima edizione, tre istituti scolastici cittadini. E’ un altro tassello che ‘ Catanzaro è la mia città’ aggiunge al suo ricco mosaico. L’evento di Sabato prossimo, infatti, è stato preceduto da due visite guidate, svoltesi nello scorso anno, che hanno coinvolto oltre 300 partecipanti in una vera e propria immersione nella storia del capoluogo di regione, nell’architettura dei suoi prestigiosi edifici e nell’arte religiosa, custodita nelle splendide chiese del centro storico. Dunque si parte! La nostra forza? L’entusiasmo di chi ancora crede che un altro mondo sia possibile.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano