I tedeschi continuano lo shopping tra le imprese italiane, 72 in 7 anni

Gli “italiani” non solo clienti, fornitori o distributori, ma anche rivali industriali e commerciali. Il volume di affari prodotto dall’interscambio tra Italia-Germania è molto elevato: nel 2014 è stato di circa 103 miliardi di euro, una cifra che ammonta quasi alla somma degli scambi che intratteniamo con Francia e Regno Unito insieme. Un buon motivo per il quale la Germania è tornata ad “interessarsi” alle imprese italiane. In base ai dati forniti da un rapporto di Kpmg, che prende in esame una frazione temporale che va dal 2008 a oggi, si sono verificate 72 acquisizioni tedesche in Italia, con un investimento totale di oltre 15 miliardi, individuati per metà nel comparto industriale. La fabbrica delle motociclette MV Agusta, acquistate dalla stella a tre punte Mercedes a fine ottobre 2014, la Ettore Cella specializzata in termostati per l’industria chimica e la Oil&Gas comprata dalla Wika. Più recente l’accordo tra Italmobiliare e Heidelberg Cement in relazione alla compravendita del 45% di Italcementi, operazione da 1,6 miliardi di euro che darà vita al secondo gruppo mondiale nel settore. Italia e Germania hanno specializzazioni industriali in settori molto simili o attigui, potrebbe essere quindi una strategia di Berlino in un momento economicamente sfavorevole al Bel Paese, quella di acquisire potenziali concorrenti.impresa

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager