Rebirthday: la giornata mondiale del cambiamento

RebirthdayE’ stato celebrato lunedì 21 dicembre 2015, per la prima volta anche a Lamezia Terme, il RebirthDay, un progetto artistico di Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte nato il 21 dicembre del 2012, dall’idea di Michelangelo Pistoletto per celebrare il “Terzo Paradiso”. Per l’occasione è stata realizzata un’installazione sulla facciata dell’edificio scolastico “Maggiore Perri”, realizzata da studenti e docenti dell’Istituto Perri-Pitagora, a cura degli Ambasciatori del Terzo Paradiso Francesco Saverio Teruzzi e Savina Tarsitano. L’installazione è composta dalle bandiere del cambiamento, che ogni classe ha realizzato come messaggio di rinascita di una società migliore. In occasione del Concerto di Natale, che hanno realizzato 150 bambini della scuola primaria “Maggiore Perri”, sono stati esposti per la prima volta al pubblico i lavori realizzati dagli studenti sotto la direzione dei propri insegnanti. “Questo è l’inizio di un lungo cammino che vuole promuovere una scuola per il cambiamento – hanno spiegato gli ambasciatori del Terzo Paradino – aiutando i ragazzi nella loro crescita. I bambini e giovani sonoil nostro futuro, e bisogna partire dalle scuole e dalla formazione se si vuole un reale cambiamento nelle società per un mondo più giusto. Il Terzo Paradiso è la fusione tra il primo e il secondo paradiso: il primo è il paradiso in cui gli esseri umani erano totalmente integrati nella natura; il secondo è il paradiso artificiale, fatto di bisogni artificiali, di prodotti artificiali, di comodità artificiali, di piaceri artificiali e di ogni altra forma di artificio. Si è formato un vero e proprio mondo artificiale che, con progressione esponenziale, ingenera, parallelamente agli effetti benefici, processi irreversibili di degrado a dimensione planetaria”.  Il progetto del Terzo Paradiso consiste nel condurre l’artificio, cioè la scienza, la tecnologia, l’arte, la cultura e la politica a restituire vita alla Terra, congiuntamente all’impegno di rifondare i comuni principi e comportamenti etici, in quanto da questi dipende l’effettiva riuscita di tale obiettivo.Il Terzo Paradiso vuole portare ognuno ad assumere una personale responsabilità in questo frangente epocale. Il Terzo Paradiso ha come simbolo una riconfigurazione del segno matematico dell’infinito ed è formato da una linea che, intersecandosi due volte, disegna tre cerchi allineati. I due cerchi opposti significano natura e artificio, quello centrale è la congiunzione dei due e rappresenta il grembo generativo di una nuova umanità. Il Rebirthday, come momento di responsabilità finalizzata alla costruzione di un mondo migliore, si celebra, in tutto il mondo, ogni 21 dicembre. L’Istituto Comprensivo Perri Pitagora ha aderito al progetto del Terzo Paradiso dopo il seminario “Arte ed Educazione: La Scuola per il Cambiamento”, organizzato lo scorso marzo con la delegazione giapponese del progetto internazionale Kids-Guernica e gli Ambasciatori del Terzo Paradiso Savina Tarsitano e Francesco Saverio Teruzzi. Grazie al successo e all’entusiasmo di alunni ed insegnanti, e come continuità e volontà di cambiamento, il progetto è stato assunto dall’Istituto Perri-Pitagora come tema del Piano dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2015-16. La partecipazione a Rebirth-Day – spiega l’artista Michelangelo Pistoletto – rappresenta un impegno personale a contribuire al processo di cambiamento. Abbiamo la straordinaria opportunità di creare insieme con gioia ed entusiasmo il nostro futuro: partecipiamo, con qualsiasi forma espressiva (performance, musica, flash-mob, installazioni, incontri, eventi gastronomici…) alla creazione di una grande opera collettiva. Per il Rebirth-day 2015 ho suggerito l’adozione di una parola e di sviluppare su questa una intesa che tenda, per quanto possibile, ad arginare la grande disfunzione sociale che dilaga nel mondo intero. La parola che propongo è: rispetto”Ed è sul rispetto degli altri, delle cose, di noi stessi, che gli alunni si sono confrontati per affrontare il loro primo “cambiamento”.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano