Domani sciopero dei trasporti pubblici

TrenoDomani, in tutta Italia, le organizzazioni sindacali – Cub e Cambia-Ment M410, nel segno dell slogan “Contro le guerre – Per i diritti vitali” – hanno programmato lo sciopero dei trasporti pubblici. A Roma si fermano bus, metro, tram e treni locali gestiti da Atac, sono a rischio dalle 8,30 alle 12,30. Niente mezzi neanche nelle altre principali città, con modalità diverse. Hanno invece revocato i taxisti. Trenitalia ha comunicato che per i treni regionali del Lazio la circolazione sarà quasi regolare, anche al di fuori delle fasce oraria di garanzia dei servizi minimi, nelle quali sono assicurati per legge. Assicurato il collegamento tra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino con il “Leonardo Express”. Regolari anche le Frecce, solo alcuni treni Intercity che non rientrano tra quelli “garantiti” potranno essere cancellati o limitati nel percorso. Anche a Milano e in tutta la Lombardia si rischia la paralisi. L’Atm ha comunicato che “l’organizzazione sindacale Si Cobas ha previsto che il personale di esercizio di metropolitana potrà aderire solo dalle ore 18 al termine del servizio. A Milano, quindi, l’agitazione è prevista dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio per l’esercizio di superficie per le organizzazioni sindacali Si Cobas e Cub Trasporti. Per la metropolitana lo sciopero è previsto nella sola fascia pomeridiana dalle 18 al termine del servizio per le organizzazioni sindacali Si Cobas – Cub Trasporti; per Sgb dalle 18 alle 22”.

Recommended For You

About the Author: Katia Germanò