Isis, tra gli arrestati in Piemonte anche un campione di kickboxing marocchino

“Ascolta lo Sheico, colpisci!”. C’è anche Abderrahim Moutaharrik, campione di kickboxing tra gli arrestati del blitz antiterrorismo in Piemonte e Lombardia. Isis jihadettesÈ quanto emerge dall’indagine condotta tra Milano-Varese e Lecco (sgominata dalle indagini dei Digos e dei Ros coordinate dalla Procura Distrettuale di Milano) che ha portato in manette quattro persone, tra cui la giovane promessa del pugilato, e ad un mandato per altre due persone che hanno già raggiunto lo Stato islamico. Secondo le indagini il ventisettenne stava per partire da Lecco, insieme alla moglie Salma Bencharki, per unirsi allo Stato Islamico. Per gli inquirenti “è uno sportivo di qualità, un pugile di kickboxing di alto livello in Italia e all’estero. Sarebbe stato lui a ricevere la richiesta di compiere attentati in Italia da parte dell’uomo marocchino che era residente a Bulciago e che più di un anno fa è andato con la moglie e i tre figli nelle zone di guerra”. E tra gli obiettivi volevano colpire anche l’Italia, in particolare Roma, l’ambasciata israeliana e il Vaticano. In una intercettazione sarebbe stato proprio Moutaharrik a ricevere, da altri affiliati all’Isis, la richiesta di compiere un attentato in Italia. Nell’ordinanza compare anche la trascrizione di un “poema – bomba”, come lo definisce il gip, “un chiaro incitamento a commettere atti di violenza con finalità terroristiche”. “Ascolta lo Sheico, colpisci!” è uno degli audio inviato via WhatsApp. Mentre in un altro messaggio audio uno “sceicco” dell’Isis, non identificato, invitava lo sportivo alla vendetta contro i cristiani.

Recommended For You

About the Author: M1