Vai a…

Direttore Responsabile - Fabrizio Pace

Ilmetropolitano.itsu Google+Ilmetropolitano.it on YouTubeRSS Feed

Terremoto in Italia centrale del 24 agosto: la stima della magnitudo dell’INGV


A seguito delle richieste di chiarimenti sul valore della magnitudo della scossa più forte della sequenza in atto in Italia centrale, avvenuta il 24 agosto alle ore 03.36, si segnala la nota pubblicata sul Blog INGVterremoti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) con alcune precisazioni che possono contribuire a fare chiarezza.

Mappa della deformazione ottenuta elaborando, con la tecnica dell'Interferometria Differenziale,immagini radar del satellite ALOS 2 acquisite il 09/09/2015 (pre-evento) ed il 24/8/2016 (post-evento); la zona in rosso evidenzia l’area affetta dall’abbassamento (allontanamento dal radar) dovuto agli eventi sismici, che raggiunge circa 20 centimetri in corrispondenza  di Accumoli.

Mappa della deformazione ottenuta elaborando, con la tecnica dell’Interferometria Differenziale,immagini radar del satellite ALOS 2 acquisite il 09/09/2015 (pre-evento) ed il 24/8/2016 (post-evento); la zona in rosso evidenzia l’area affetta dall’abbassamento (allontanamento dal radar) dovuto agli eventi sismici, che raggiunge circa 20 centimetri in corrispondenza di Accumoli.

  • Il valore della magnitudo non è utilizzata per il risarcimento dei danni prodotti dai terremoti; per questo scopo in passato sono stati utilizzati i valori di intensità calcolata sulla base della scala Mercalli (in realtàla scala Mercalli-Cancani-Sieberg).
  • Come qualsiasi parametro fisico,la stima della magnitudo è affetta da incertezza. In particolare il valore di magnitudo calcolato dall’INGV è 6.0 ± 0.3.
  • Le stime fornite dall’INGV, dall’USGSe da altre agenzie internazionali rientrano nella variabilità aspettata.
  • I dati utilizzati e i parametri del modello crostale di riferimento possono differire contribuendo all’incertezza della stima.L’INGV utilizza un modello delle velocità crostali calibrato proprio per l’Italia centrale e una densità di stazioni sismiche maggiore di quello delle altre agenzie internazionali che utilizzano modelli di velocità globali.
  • Anche L’INGV, utilizzando i modelli globali ed un’altra tecnica di analisi dei dati (RCMT) ottiene un valore di magnitudo pari a 6.2.
  • Esistono diversi definizioni e metodi di stima delle magnitudo(magnitudo locale, magnitudo momento, magnitudo dalle onde superficiali e di volume, magnitudo durata, …). Queste vengono utilizzate a seconda del tipo di strumentazione che ha registrato le onde sismiche rilasciate dal terremoto e della distanza tra le stazioni e l’epicentro (scala locale, regionale o globale). Per il medesimo evento sismico, dovrebbero fornire stime della magnitudo identiche, ma effettivamente forniscono valori leggermente differenti anche se di norma all’interno delle incertezze di ciascuna stima.
Be Sociable, Share!

Potrebbero interessarti:

INTERVENTO DEL CAPO GRUPPO CONSILIARE DI NOVA BOVALINO (ENRICO TRAMONTANO) SUL PUNTO ALL’ORDINE DEL ...
Nella seduta del...
"Salam, Islam - Viaggio all'intern​o della comunità musulmana"
(pag.233 € 12,51) ...
Agraria: Evoluzioni della ricerca dell’aggregazione pubblico privata nel settore dell’Agroalimentare
Agroalimentare: lo s...
Sinergie di sostegno scolastico al disabile... speranze"
"Le istituzioni...
Giornata conclusiva del Festival Nazionale delle Città Metropolitane organizzato dall'INU
Un vincolo di spesa ...
Prefettura di Reggio Calabria e Grande Ospedale Metropolitano stipulano Accordo Istituzionale di pre...
Il Prefetto di Reggi...

Tags: , , , ,

Altre storie daCOMUNICATI

About Redazione ilMetropolitano