Perchè educare il proprio bambino alle faccende domestiche

Educare i figli anche nelle faccende domestiche? Giustissimo. Sbrigare le faccende domestiche aiuta a crescere come soggetti collaborativi e altruisti. Chiaramente la tipologia di lavoro domestico adatta a un bambino, dipende dalla sua età e dalle sue inclinazioni. Space clearing: è un nuovo modo di riordinare, comprensivo che gli infanti adorano; quando si chiede ai bambini di mettere in ordine i giocattoli utilizzati di solito ci si trova di fronte a bronci e capricci. Alcune  volte i giochi sono così tanti che manca lo spazio idoneo a riporli e regna agevole un disordine che attrae altro caos. In questi casi occorrerebbe procurare loro sacche per accantonare i giochi rotti (da dividere a seconda del materiale) e borse per sistemare i giocattoli da donare ai bimbi più piccini o poveri. L’ accuratezza e la capacità di liberarsi del superfluo  lasceranno sbigottiti i genitori.

L’ educazione a tavola inoltre non indica solamente il sedersi composti e mangiare con criterio, ma anche avere cura di alimenti e stoviglie. Evitare lo spreco. Potrebbe essere ideale far apparecchiare e sgombrare la tavola ai piccoli. Se i bambini sono più di uno, si possono stabilire dei turni. Occorre educare i bimbi a riporre possibili avanzi negli opportuni recipienti da mettere in frigorifero e poi ripresentarli al pasto successivo. Ai bambini diletta inoltre passare l’aspirapolvere o la scopa elettrica. Per questo tipo di incarico, è rilevante che il bambino sia sempre supercontrollato dall’adulto. Mai lasciare soli i bambini con elettrodomestici a portata di mano. Ai piccoli di casa piace anche stendere il bucato. Vietato, però, stizzire per la biancheria avvolta disastrosamente sullo stendino. Con un’ amabile illustrazione e l’esperienza, i bimbi assimileranno: basta dar loro fiducia e la possibilità di sperimentare.

fonte: www.bwoman.it

Recommended For You

About the Author: Giusy De Giovanni