Foibe: “Giorno del Ricordo” solennità civile nazionale celebrata il 10 Febbraio dal 2005

 Foibe: 1048 nomi di deportati riemersi dall’oblio

Frammenti di vita, pezzi di storia, nomi nuovi che riemergono – come un appello postumo – dopo 60 anni, dal dossier del governo sloveno sulle deportazioni senza ritorno del maggio ‘ 45 nella Venezia Giulia Consegnato nel 2006 Il dossier sloveno non nasconde nulla, affronta una glasnost coraggiosa anche per quanto riguarda i civili. «Gli arresti furono effettuati secondo accurati elenchi pronti dal 1944» e completati fino alla vigilia degli arresti in massa. «Furono condannati subito senza pietà i funzionari di banca, delle compagnie di assicurazione, degli istituti pubblici, i direttori delle scuole», vennero fatti sparire «i dipendenti dell’anagrafe», e poi ancora «i professori e i maestri di scuola». Segue un elenco di 1048 nomi . Un faldone senza neppure uno straccio di copertina, un preambolo, una nota d’accompagnamento. E neppure un «ci dispiace, è andata così», che del resto sarebbe parso atrocemente stonato. Solo un elenco asettico di nomi, date di nascita, professione o corpo d’appartenenza, data della cattura e della deportazione. Schegge di vite perdute, appese lassù, nel firmamento dei martiri.    Era rimasto chiuso in archivio : «E’ un momento importante ( questo il commento )  : la dimostrazione che  si stanno abbattendo grandi muri.  Nessuna frontiera europea può cadere se non si abbattono anche le frontiere della memoria>>.  Foibe, i 1048 nomi segreti dei martiri di Gorizia <<Persone morte, morte da un pezzo.   Ma volti e sorrisi, e capelli imbrillantinati, e divise indossate con fierezza; e ricordi di baci e di abbracci, e di carezze, piantati come un chiodo ribattuto nel cuore di chi è rimasto >>.  Crea Giuseppe,  per esempio.   Di lui si dice solo questo: «Nato il primo giugno 1923 a Motta San Giovanni, provincia di Reggio Calabria, oce (padre) Nicola, mati (madre) Santa Minniti. Arrestato a Gorizia il 3 maggio 1945, deportato nel campo di concentramento di Sussak * –    Guardia di PS  ».

* Sussak [ (in croato Sušak )( in italiano Sansego). è  parte della città di Rijeka in Croatia]  Piccolissima isola, soli 3,8 Km2 di superficie, appartiene alle Isole quarnerine, ovvero all’arcipelago del Mar Adriatico settentrionale]

c.s. – Domingo Crea

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano