Vai a…

Direttore Responsabile – Fabrizio Pace

Ilmetropolitano.itsu Google+Ilmetropolitano.it on YouTubeRSS Feed

Deep Web, non è un mostro ma è bene non avventurarsi se non si è esperti


L’Italia e gli italiani che hanno un gap elevato rispetto ai Paesi più industrializzati del mondo per l’utilizzo di internet e della tecnologia informatica oggi si interrogano su nuovi quesiti. Uno di questi attrae prepotentemente l’attenzione dei media in quanto avvolto da un alone di mistero e pericolosità al tempo stesso. Si tratta del deep web, prima di tutto è fondamentale la distinzione con il Dark Web termine che invece si riferisce alla navigazione in rete in anonimato. Il Deep web è relativo a quella parte di dati o bit che non ci appare su internet nella navigazione ordinaria. Per ben comprendere è utile riportare un imponente studio risalente al 2000 effettuato da Bright Planet (organizzazione degli Stati Uniti d’America) che fotografa, già in quegli anni, il Web come una oltre 550 miliardi di documenti, mentre Google, che è il motore di ricerca più utilizzato, ne indicizza solo 2 miliardi, quindi matematicamente meno dell’uno per cento (17 anni fa immaginate i numeri di adesso che internet è molto più utilizzato)… L’immagine più esplicativa per rendere facilmente l’idea sul deep web è l’iceberg, in quanto com’è noto ai più di esso si intravede solo una piccola parte quella sopra la superficie del mare ma è sott’acqua che si trova la sua massa più grande. Oggi le stime omni-comprensive sui dati visibili con l’utilizzo di tutti i motori di ricerca si attesta intorno al 4%. Il rimanente 96% apparentemente invisibile e apparentemente inaccessibile. In dottrina gli esperti dividono il web in 6 livelli:  il web comune, il surface web dove operano i server informatici,  il bergie web, ultimo livello accessibile senza particolari strumenti e conoscenze, ospita risultati nascosti di Google e siti di video e immagini senza censure; il deep web dove si entra solo usando software speciali e dove si trovano i canali di comunicazione degli hacker; il charter web nei cui forum si muovono con disinvoltura hacker, trafficanti di armi e droga, jihadisti, estremisti e pornografi. E’ considerato mercato nero (virtuale) del mondo, e il marianas web che, leggende metropolitane, dicono comprenda l’80% di internet, il suo contenuto è in gran parte sconosciuto. (per approfondire wikipedia). Bisogna ricordare proprio riguardo i gradi più bassi della rete che l’antenato di quello che oggi chiamiamo “internet” nacque come strumento militare negli USA durante gli anni 50 e doveva essere un metodo di comunicazione sicuro e veloce a prova di guerra nucleare. La rete Elaborata da ARPA, agenzia del Dipartimento della Difesa, venne chiamata ArpaNet. Una piccola parte di quel progetto è stato successivamente adattato alle telecomunicazioni ma la gran parte è rimasto per molti inutilizzabile. Cosa si può trovare man mano che si scende ? Tutto quello che per motivi vari non si vuole rendere noto: forum, siti di organizzazioni che perseguono fini illegali o non autorizzati dai governi in cui risiedono e  negozi virtuali. Quest’ultimi sono spesso fonte di approvvigionamento per terroristi mafie e pedofili  alla ricerca rispettivamente di armi, documenti falsi, droga e file illegali. Gli acquisti vengono fatti in Bitcoin (la moneta digitale di internet). Occorre però precisare che non tutti quelli che utilizzano il deep web ne fanno un utilizzo illegale. Quel tipo di connessione viene anche usato per fini “nobili”, allo scopo di far filtrare notizie che sono bannate da governi totalitari o  in particolari scenari di guerra e tal volta per regalare alla storia anche segreti di stato. Per navigare il deep web occorre utilizzare browser particolare il  TOR (acronimo di The Onion Router)  una versione modificata ricavata da  Firefo che consente ai propri utenti di accedere anonimamente a siti che utilizzano il suffisso .onion, nascondendo il loro indirizzo IP. Un consiglio spassionato, se non si è esperti non è il caso di avventurarsi in un ambiente virtuale per lo più mal frequentato e pericoloso dove il minimo che può accadere è il furto di dati personali e sopratutto non utilizzare un pc che abbia Windows magari utilizzare Linux. Un’altra convinzione personale è quella di evitare la navigazione dal mobile.

Fabrizio Pace

Be Sociable, Share!

Potrebbero interessarti:

Il Peer To Peer
Con il termine peer-...
Rilasciata la versione 6.2 di Google Earth
I cervelloni di Goog...
Arriva l'Iphone 5s
Da indiscrezioni s...
AdottaUnRagazzo, la nuova App che fa impazzire il web
Capita di spulciare ...
#WhatsAppDown, ieri notte l'app più popolare al mondo "crasha". Panico tra gli utenti
Panico nel mondo dei...
YuoTube immette sul mercato la sua offerta TV
USA 10:30 - Grandi...

Tags: , , , , , , , ,

Altre storie daInformatica

About Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager