Le creazioni di Annalisa Queen incantano alla Fashion Week di Montercalo

di Alessandra Giulivo –  Stile inconfondibile quello della giovane stilista romana Annalisa Queen. In pochissimo tempo, è riuscita, con il suo talento, a farsi strada nei meandri del tanto ambito mondo della moda. Di fatto, ha da poco partecipo alla Monte Carlo fashion week con la sua collezione “Contrasti”. La stilista è come le sue collezioni, elegante e cool, ed il suo stile ed il suo estro hanno fatto sì che venisse notata ed apprezzata a livello nazionale ed internazionale. Annalisa inizia a disegnare abiti sin dall’età di 10 anni. Quello che per lei era un gioco diventa presto una passione che la spingerà, dopo la maturità scientifica, ad intraprendere gli studi nel campo della moda. Si laurea cosi nel 2012 in Scienze della moda e del costume presso La Sapienza di Roma. Si iscrive poi all’Accademia Maiani dove muove i primi passi nella modellistica e nella sartoria, conseguendo il diploma in stilista di moda con il massimo dei voti. Il nome d’arte Annalisa Queen nasce dalla passione per il gruppo musicale i Queen. Nel 2015 diventa un marchio registrato e vi disegna una fenice che racchiude per lei diversi significati. Nel 2017 Annalisa apre un piccolo atelier a Roma.

Annalisa che rapporto hai con la moda?

Il mio rapporto con la moda è molto bello perché è ciò che mi regala sempre nuova energia ed emozioni, è anche particolare perché ci tengo di più a seguire le tendenze per realizzare le mie creazioni che per vestire me stessa.

Quando e come hai deciso di dare vita al tuo brand?

Diciamo che era un’idea che mi frullava in testa sin dall’Università e che poi si è andata concretizzando giorno per giorno.

Quali sono i punti di forza delle tue collezioni? E qual è lo stile che contraddistingue Annalisa Queen?

I punti di forza sono anche ciò che contraddistingue lo stile di Annalisa Queen e cioè il guardare sempre alle tendenze e al continuo rinnovamento attraverso la sperimentazione di tessuti e materiali particolari uniti a quelli più classici, il mescolare stili diversi, creare associazioni insolite tra colori e tessuti per poter cosi offrire un prodotto ricercato, di alta qualità e lavorazione, ma anche l’attenzione all’ecologia e al rispetto dell’ambiente e degli animali.

Ci racconti il processo creativo che c’è dietro una collezione?

Tutto parte dall’idea che può arrivarmi in qualsiasi momento e da miriadi di cose, sembra un processo banale ma non lo è affatto perché poi devo unire la mia idea a ciò che andrà di tendenza e quindi fare ricerca di tessuti e materiali, perciò prima di arrivare ai disegni definitivi la strada è lunga per non parlare della realizzazione.

Cosa propone la tua nuova collezione ? Come potresti  riassumerne lo spirito? Quali i tessuti e le forme?

La collezione “Contrasti” racconta la storia di una natura violata dall’uomo con l’accostamento dell’elemento artificiale a quello naturale. Contrapposizione sottolineata soprattutto dal contrasto di colori, di cui la maggior parte tipici di una stagione invernale su tessuti leggeri per la stagione estiva, il contrasto è evidenziato anche dall’unione tra tessuti artificiali ed ecologici come il finto pitonato e tessuti naturali come il sughero, elemento predominante della collezione. Mentre le linee della collezione sono pulite e classiche.

Come immagini esattamente la donna che indossa i tuoi capi?

Annalisa Queen veste una donna che fa dell’eleganza il suo stile di vita, le piace osare ed essere sempre originale ma senza mai eccedere. La sua donna ama la qualità, la ricercatezza del prodotto e la particolarità dell’accessorio.

Quando si crea, generalmente si ha un punto focale, una visione d’insieme, che varia da persona a persona, il tuo da dove nasce?

Il mio punto focale è sempre l’idea che ho dell’eleganza e di come vestirei la mia donna, per il resto tutto può essere messo in discussione in base alle tendenze, all’idea del momento e al fatto che come ho già detto amo mescolare stili, colori e materiali.

Il periodo di crisi economica ha colpito anche il mondo della moda. Chi è il nuovo cliente che fa da core business?

Si purtroppo è vero, ha colpito il mondo della moda secondo me minimizzandola sempre di più. Il nuovo cliente che detta le regole del gioco credo sia quello più attento al risparmio che alla reale qualità del prodotto, la crisi ha portato anche ad una riduzione delle possibilità di occasioni per sfoggiare e quindi si ricerca di più il capo casual per tutti i giorni e anche quando si acquista il capo più particolare si tende a fare in modo che sia un passe-partout per molte altre occasioni.

I tuoi progetti lavorativi stanno andando a gonfie vele anche all’estero. Quali sono i prossimi impegni lavorativi?

Sto lavorando molto per far conoscere il mio brand e da settembre partirà la campagna pubblicitaria. Ci sono in cantieri molti progetti ma non posso ancora svelare nulla.

Ringrazio molto il Metropolitano per avermi scelta per questa bellissima intervista.

grazie a te

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano