Vai a…

Direttore Responsabile – Fabrizio Pace

Ilmetropolitano.itsu Google+Ilmetropolitano.it on YouTubeRSS Feed

Federconsumatori, accesso a nuovo farmaco per malati SLA


A 3 mesi dalla delibera Aifa, gli  ammalati di  SLA non hanno ancora  accesso al nuovo farmaco Radicut

Catanzaro 5.10.2017 – In una nota inviata all’AIFA, al Commissario ad acta alla Sanità ed al Dipartimento regionale Tutela della salute, Federconsumatori Calabria  ha chiesto delle ragioni che ad oggi impediscono l’accesso al farmaco innovativo edavarone (Radicava) per il trattamento della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). L’Agenzia Nazionale del Farmaco con determina n. 1224/2017, pubblicata sulla GU n. 153 del 3.07.2017, ha provveduto ad inserire il farmaco edavarone nell’elenco dei medicinali erogabili a totale carico del Servizio Sanitario per il trattamento di pazienti con diagnosi definita o probabile di SLA selezionati secondo particolari criteri. Al farmaco edavarone, più conosciuto col nome commerciale di Radicut, è stata riconosciuta da studi clinici la proprietà di rallentare il peggioramento dello stato funzionale dei pazienti con comparsa della malattia da non oltre 2 anni, con disabilità moderata e buona funzionalità respiratoria. Da protocollo terapeutico il farmaco dovrà essere prescritto dal medico neurologo e somministrato per infusione endovena all’interno di strutture ospedaliere che ne hanno fatto richiesta. Per la Presidente di Federconsumatori Calabria Mimma Iannello: “E’ evidente l’importanza che i pazienti di SLA abbiano accesso a cure tempestive in grado di frenare i processi degenerativi di una grave malattia di cui è previsto l’aumento dell’incidenza al 2040, del 20% in Europa, di oltre il 50% in Cina e del 100% in Africa  e che  colpisce in maggioranza le donne (+40%). In Italia, su una popolazione di circa 6.000 persone affette da SLA, ne risulterebbero idonee al trattamento circa 1.600. In Calabria non si conosce l’esatta casistica ma il numero dei pazienti rifletterebbe il tasso
di incidenza nazionale di 1,5‐2
casi
ogni
100.000
abitanti
l’anno con ciò che comporta in termini di disagi fisici e sociali per i pazienti e le loro famiglie anche per la carenza di servizi socioassistenziali di supporto e di posti letto dedicati nella rete delle strutture pubbliche. L’AIFA, il Commissario ad acta alla Sanità ed il Dipartimento di Tutela della Salute a cui abbiamo sollecitato ogni chiarimento, dovranno spiegare le ragioni che ad oggi impediscono l’utilizzo del farmaco edavarone, quali strutture assistenziali risultano autorizzate alla somministrazione e se è stato definito il fabbisogno regionale del farmaco necessario per le cure dei pazienti SLA della regione”.

Ufficio Stampa Federconsumatori Calabria

Be Sociable, Share!

Potrebbero interessarti:

Anche Reggio Calabria ha aderito ufficialmente al “Comitato 10 Febbraio
« (...) Un moto di o...
Francesco Anoldo coordinatore 9 Dicembre Calabria: il tempo delle chiacchere è finito il 5 dicembre ...
Si comincia da due. ...
L'Associazione Culturale Anassilaos nel ricordo di Maria Cristina Brancatisano
L’improvvisa e tragi...
Europol: Does crime still pay?
The Hague, the Nethe...
Roma, traffico internazionale di sostanze stupefacenti
Dalle prime luci del...
Miss Italia 2017: Miss Miluna Calabria 2017 è Ilaria Giancola eletta ad Aiello Calabro (Cs)
È l'ottava Miss qual...

Tags: , , , , , ,

Altre storie daCOMUNICATI

About PrM 1