Al San Raffaele di Milano, primo impianto di retina artificiale a donna non vedente

L’Unità di Oculistica dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, ha eseguito per la prima volta in Italia, l’impianto di una retina artificiale in una donna non vedente. Il delicatissimo intervento, che ha previsto l’inserimento di un microchip sottoretinico, è stato condotto da un’équipe di specialisti in chirurgia vitreoretinica e oftalmoplastica, diretta dal professor Francesco Maria Bandello. La protesi, destinata a persone che hanno perso la vista durante l’età adulta a causa di gravi malattie genetiche della retina, come la retinite pigmentosa, può ripristinare la percezione della luce e delle sagome di alcuni oggetti e persone circostanti.  I fotorecettori ormai non più funzionanti vengono sostituiti da un fotodiodo, un microscopico apparato elettronico in grado di trasformare la luce in uno stimolo elettrico. L’intervento alla paziente, interamente finanziato da Banca Mediolanum, è andato bene. La donna sta attendendo l’accensione del microchip, che le permetterà, di imparare nuovamente a vedere, stimolandole la retina.

Recommended For You

About the Author: PrM 1