Intervista ad Arturo Callegari presidente dell’Associazione Eracle Onlus

S. Ci troviamo qui oggi con Arturo Callegari, Presidente di Eracle Onlus. Arturo, Cos’è Eracle Onlus e come nasce?

A. L’associazione è nata per l’iniziativa di alcuni genitori e medici del reparto di neonatologia del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, per portare una testimonianza delle esperienze che ognuno di noi ha vissuto in quel reparto e per trasmettere fede e speranza a tutti coloro che continuano a vivere lì, questo tipo di esperienza con i propri bambini, che hanno dunque necessità di avere delle cure ospedaliere. Queste sono situazioni che ti cambiano la vita, vivi sempre con un’interrogazione, con i “se” e con i “ma” e anche con quelle domande del tipo: “Perchè è capitato proprio a me?” Ed è a quel punto, che si ha bisogno di un aiuto da parte di chi ha vissuto la stessa esperienza, per andare avanti e far capire che c’è la possibilità di ottenere dei risultati positivi.

S. Quali sono i progetti che sono stati fatti con l’associazione?

A. L’associazione nasce solo sei anni e mezzo fa, ma abbiamo già fatto tantissimo, molta presenza sul territorio e tantissime attività. Il traguardo più bello, l’abbiamo raggiunto con la “stanza di Eracle”, grazie anche all’aiuto della direzione dell’Ospedale Metropolitano, in particolare di Frank Benedetto, siamo riusciti ad adottare uno spogliatoio. E’ posto all’ottavo piano, lo abbiamo completamente ridisegnato, abbiamo trasformato una stanza di ospedale, in una stanza di casa nostra, l’abbiamo arredata con divani, sedie, poltrone, aria condizionata, televisore, per permettere alle madri, soprattutto a quelle che vengono da fuori, di vivere la quotidianità, e di staccare ogni tanto la spina, per quel poco che sia possibile, da quella situazione. Tutto ciò comunque, non solo per le mamme, ma anche per i papà, il reparto si vive assieme. Lo scopo dell’associazione, è dunque aiutare, a spese della stessa, le famiglie che vengono da fuori. Vengono infatti, ospitate per una settimana, là dove ci sono situazioni particolari anche di più, presso le strutture ricettive da noi convenzionate, vicine all’ospedale. E poi aggiungiamo a questo, l’emissione dei buoni pasto, per le persone sempre più bisognose e anche buoni benzina. Il nostro supporto comunque, non è solo un supporto economico, ma soprattutto umano, che è la mission più importante che noi ci impegnamo a realizzare con queste famiglie.

S. A proposito di questo, cosa consiglieresti alle famiglie che stanno affrontando questo problema?

A. Il mio consiglio, per come abbiamo vissuto noi questa esperienza, è quello di avere tanta forza. Io, prima ancora di essere il Presidente di Eracle, sono un papà, che con Gabriele ha avuto un trascorso all’interno del reparto. Da un lato c’è la fede, perchè in questi momenti non puoi dimenticarti, di aver ricevuto un dono così importante e dall’altro un reparto sempre più all’avanguardia con un personale medico e infermieristico che gran parte d’Italia ci invidia. Abbiamo anche un Primario del reparto eccezionale, che è la dottoressa Piera Agostini, che ha sposato sin da subito l’associazione, dal suo primo insediamento, ed è stata anche innovatrice, in quanto ha modificato, all’interno del reparto, una cosa importante, che è quella degli orari delle visite. Anche in neonatologia, ci si doveva adeguare a quegli orari stabiliti dell’intero ospedale, la dottoressa Piera Agostini, invece ha rivoluzionato tutto ciò, rendendo h24 l’apertura al reparto, per permettere ai genitori e non solo, anche ai nonni, di stare accanto ai propri bambini. Noi facciamo anche del volontariato all’interno del reparto, e da qui a breve partirà una nuova iniziativa che vedrà coinvolgere sempre più le famiglie. L’attività di volontariato non è facile, noi lo facciamo con le famiglie, con i genitori che hanno vissuto le stesse situazioni e quando riusciamo a strappare un sorriso anche solo per un’istante e a motivare il genitore, portiamo a casa un grandissimo risultato. Staccare un attimo l’attenzione verso qualcosa, che giustamente per ogni mamma e ogni papà è fondamentale, che è la vita di un bambino che è stato messo al mondo, ma che in quel momento purtroppo necessita di cure ospedaliere, è di grande aiuto. Quindi dare tantissima fiducia e far pensare che sicuramente le cose andranno bene.

S. Noi ti ringraziano per l’intervista e per quello che hai fatto che è molto bello e ricordiamo i contatti dell’Associazione, per chi volesse sostenerla.

A. Il sito, per chi volesse tutte le informazioni, è www.eracleonlus.it, dove ci sono anche i recapiti telefonici e la storia di Eracle Onlus e tutte le attività. A tal proposito voglio ricordare, la Giornata Mondiale della Prematurità, un appuntamento di fondamentale importanza e colgo l’occasione per sottolineare che noi, come associazione, siamo legati a Vivere Onlus, che coordina tutte le associazioni italiane di neonatologia. Sul sito c’è anche una finestra dedicata a chi volesse contribuire a sostenerci, per continuare a portare avanti tutte le nostre attività al meglio.

S. Grazie ancora e in bocca al lupo per le prossime iniziative.

A. Grazie a voi, ancora una volta, per l’opportunità.

Recommended For You

About the Author: PrM 1