Salvini: presidenza Camera e Senato ai partiti vincitori

Roma  21:15 – I giorni dopo l’esito delle votazioni passano e dopo circa una settimana ora le parti vincenti e perdenti stanno prendendo atto della situazione dopo aver metabolizzato l’accaduto. Oggi è il momento di Salvini e della Lega che durante lo svolgimento della scuola politica della Lega, abbandonando i toni gridati e prendendo toni più istituzionali dichiara: “penso che fare il contrario di quello che gli italiani hanno scelto la settimana scorsa sarebbe una follia, e ci sono due forze politiche che hanno vinto le elezioni, non è difficile capire con chi si ragionerà; Farò tutto quello che è umanamente possibile per rispettare il mandato che gli italiani ci hanno dato, ovvero di andare a fare il presidente del Consiglio, ma senza scendere a patti e rinnegare la nostra Bibbia che è il programma”. E come fatto qualche giorno addietro si toglie l’ennesimo sassolino dalla scarpa: “Ho il dovere di dialogare con tutti e non serbare rancore. Ma mi sono tolto la soddisfazione di dire di no. Stasera, stranamente dopo le elezioni, sono stato invitato in tv da Fazio gli detto ‘no grazie, faccio altro” (Ansa.it). Da ricordare che durante la campagna elettorale Salvini aveva fatto più volte presente di non essere mai stato contattato ed invitato dal conduttore, quasi vigesse su di lui una specie di “ostracismo”.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi