Eruzioni solari ricostuite in 3 D

Riuscire a prevedere le tempeste magnetiche capaci di disturbare comunicazioni radio e segnali di navigazione Gps, e di danneggiare satelliti e reti elettriche è oggi possibile grazie a un’eruzione solare ricostruita in 3D. Le eruzioni solari sono violente esplosioni che avvengono sulla superficie del Sole: sono così potenti da generare onde d’urto capaci di scagliare nello spazio sciami di particelle ad alta energia che possono raggiungere anche i pianeti. Quando sciami simili colpiscono il campo magnetico della Terra, possono generare tempeste geomagnetiche. Per questa ragione, comprendere la struttura dell’onda d’urto, in particolare come si sviluppa e come accelera, è la chiave per prevedere le tempeste magnetiche terrestri e la loro intensità. Tuttavia, questi fenomeni finora non sono stati misurati in modo completo perché, per farlo, sono necessari dati catturati da diverse angolazioni e da più telescopi. Adesso è stato possibile ricostruire in 3D le eruzioni solari avvenute nel marzo 2011 e nel febbraio 2014 combinando i dati dei satelliti Soho (Solar ed Eliosferic Observatory), della Nasa e dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), e le sonde gemelle Stereo (Solar Terrestrial Relations Observatory) della Nasa. Il risultato, pubblicato sulla rivista Space Weather and Space Climate,  è stato condotto a Ryun-Young Kwon, dell’americana George Mason University, e a Angelos Vourlidas, della Johns Hopkins University.

MS

Recommended For You

About the Author: Miri Pr2