Delrio si defila dalla corsa alla segreteria ma non esclude Pd in governo se Mattarella lo chiede

Roma 11:15 – Il giorno dopo l’assemblea della direzione del PD con l’accettazione delle dimissioni di Renzi e la nomina del Ministro Martina quale “Caronte” del PD prima dell’elezione del nuovo segretario di partito ecco che arrivano le prime “novità” in merito ad una possibile entrata nel futuro governo del Pd. La tensione resta ancora alta ma si guarda anche alla difficile partita del governo. La minoranza torna ad attaccare mentre si inizia a ragionare sugli organigrammi del nuovi gruppi di Camera e Senato e in vista dell’assemblea di aprile. Ad aprire la partita è il Ministro Delrio, “Se Mattarella – dice il ministro Graziano Delrio – ci chiedesse di fare il Governo? Valuteremo. Il Presidente ha sempre la nostra attenzione e la nostra collaborazione. Noi siamo disponibili ad ascoltare, diversamente da quello che hanno fatto Lega e M5S nel corso dell’ultima Legislatura”. Successivamente il Ministro si sottrae dalla corsa alla segreteria del partito,  “Martina traghetterà il partito, noi siamo alla ricerca di una bussola per riavvicinare i nostri elettori. Per fare il segretario ci sono altri più capaci di me”. Intanto ad “Agorà” Andrea Orlando parte all’attacco: ” …abbiamo perso tutti con responsabilità di Renzi, avendo lui avuto un grande ruolo centrale; sicuramente non c’era dialettica nel partito. Abbiamo subito la compilazione nelle liste, apprendendole la notte in cui sono state votate; Bisogna evitare che alcuni si mettono a tirare il carretto nella difficile transizione da affrontare e altri si mettono fuori a sparare”(Ansa.it).

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi