Dramma negli Stati Uniti. Bimba di un anno muore dimenticata nell'auto - Ilmetropolitano.it

Dramma negli Stati Uniti. Bimba di un anno muore dimenticata nell’auto

La polizia sta indagando sui genitori adottivi. Ancora e ancora, accadono casi simili in cui bambini e animali muoiono. I ricercatori statunitensi hanno recentemente studiato come questo possa accadere

Una bambina di un anno è morta per arresto cardiaco nella città americana di Nashville perché i suoi genitori l’hanno dimenticata in macchina sotto il sole cocente. La tragedia è accaduta oggi. La polizia ha avviato indagini contro i genitori adottivi. Ancora e ancora, ci sono casi simili in cui bambini e animali muoiono. I ricercatori statunitensi hanno recentemente studiato come questo possa accadere. Nel caso di Nashville, nel Tennessee , la polizia locale ha riferito che il padre adottivo ha dimenticato la bimba in macchina dopo aver consegnato sua sorella all’asilo. Di conseguenza, l’auto rimase al sole tutto il giorno prima che la madre adottiva scoprisse la ragazza la sera dopo il lavoro. La bambina è stata dichiarata morta in ospedale. La polizia ha iniziato le indagini. Le auto parcheggiate al sole possono diventare una trappola pericolosa per la vita dei bambini anche dopo un’ora. I ricercatori statunitensi riferiscono dopo i test al sole estivo dell’Arizona, già dopo questo breve periodo, per i bambini di due anni, la temperatura corporea può salire a 40 gradi Celsius, il che porta a colpi di calore nel lungo periodo. Nei test, le temperature esterne variavano da 36 a 41 gradi Celsius. Di conseguenza, le macchine di piccole dimensioni si surriscaldano molto rapidamente. In media, dopo 60 minuti sotto il sole cocente in tutti i veicoli sono stati misurati oltre 47 gradi. All’ombra le temperature interne delle auto parcheggiate abbassano dopo un’ora di quasi 40 gradi. Nel complesso, i ricercatori delle Università della California e dell’Arizona hanno analizzato ciascuno due auto piccole, berline di medie dimensioni e minivan. Il volante e i cruscotti erano in casi estremi fino a 85 gradi. Per determinare l’impatto sui bambini piccoli, gli esperti hanno utilizzato modelli matematici di calcolo. “Il nostro studio mostra non solo le differenze di temperatura all’interno delle auto parcheggiate al sole o all’ombra. Rende anche chiaro che persino un parcheggio all’ombra può essere mortale per un bambino piccolo “, afferma la climatologa e co-autrice Nancy Selover. Lesioni causate dal calore possono colpire un bambino anche al di sotto del limite di 40 gradi, aggiunge l’autore Jennifer Vanos. Alcune vittime del colpo di calore sono sopravvissute, ma con danni al cervello e agli organi. Sistemi di allarme necessari per le auto. Dimenticare un bambino o un animale domestico in auto potrebbe accadere a chiunque, indipendentemente dall’età, dal sesso o dalla personalità, ha dichiarato la psicologa e ricercatrice Gene Brewer. Succede spesso quando ogni giorno, le routine automatiche vengono interrotte da informazioni aggiuntive, come ad esempio una telefonata importante. “Funzionalmente, non è un grosso problema dimenticare il tuo bambino in macchina o le sue chiavi.” I ricercatori sperano quindi che le loro scoperte ispirino anche le case automobilistiche a sviluppare sistemi di allarme per questi casi. Negli Stati Uniti, una media di 37 bambini muoiono ogni anno perché sono stati “dimenticati” nelle auto. Casi simili sono anche accaduti in Belgio, Brasile, Francia, Italia o Paesi Bassi . Ogni volta che la cronaca riporta questo tipo di tragedie, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sembra impossibile che possa succedere. Eppure i casi di bambini piccoli che muoiono dimenticati in auto sui sedili o legati al seggiolino non sono così rari e capitano in famiglie normalissime ed a genitori apparentemente impeccabili e incapaci di fare del male ai propri figli. Quest’ennesimo dramma però dev’essere da monito affinché non accada mai più.

C.S. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”

Recommended For You

About the Author: PrM 1