Rom. Alemanno: a Roma fatto censimento nel 2009, insieme a CRI

(DIRE) Roma, 19 Giu. – “Il censimento dei nomadi proposto da Matteo Salvini su scala nazionale è già stato fatto dalla nostra amministrazione a Roma nel 2009 con la collaborazione della Croce Rossa Italiana. Tutto lo scandalo che oggi viene fatto dai giornali sulla proposta di Salvini è privo di ogni fondamento etico e sociale, lo dimostra appunto il coinvolgimento della Croce Rossa nel nostro esperimento di 10 anni fa. In quella occasione fu rilasciato il Dast (Documento autorizzazione sosta temporanea) ad oltre 7.200 nomadi identificati. Anche in quel caso scoppiarono le polemiche della sinistra politica e delle organizzazioni umanitarie, che portarono a cancellare ogni risultato di quel censimento durante le amministrazioni successine alle nostre. Ma in realtà da quella operazione non derivò nessuna discriminazione contro le etnie rom, ma solo l’unico Piano Nomadi fatto a Roma per garantire la sicurezza e la legalità nella nostra città, sgombrando oltre 1.100 insediamenti abusivi e lanciando piani concreti di integrazione per tutti i Nomadi che volevano realmente uscire dai Campi e lavorare”. Così in una nota congiunta Gianni Alemanno e Giorgio Ciardi. (Com/Rel/ Dire) 16:54 19-06-18

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano