Parla Marco Cappoccia esperto in investimenti immobiliari in Florida

1) Marco Cappoccia da ben 17 anni negli usa, da 5 stabilmente in florida. hai lasciato Alvito (Frosinone) con quali propositi?

Nonostante fosse difficile lasciare la Ciociaria, la famiglia e gli amici, la mia ambizione e la voglia di “farcela” mi hanno spinto a partire, per una terra dove con i sacrifici, l’impegno e la professionalità si possono realizzare grandi cose. Sapevo ancor prima di partire che avrei ottenuto grandi risultati e forse proprio questa certezza mi ha dato la spinta necessaria per raggiungere i miei obiettivi.

2) Da quanti anni ti occupi del mercato immobiliare e come hai cominciato?

Ho cominciato con una piccolissima impresa edile insieme a mio fratello. Dopo solo 3 anni di attività, abbiamo iniziato ad investire nel campo immobiliare, sia per fare reddito che per rivendere. Ora sono 10 anni che mi occupo di compra-vendita immobiliare, inizialmente soltanto per me, negli ultimi 5 anni ho deciso di mettere la mia esperienza nel settore al servizio degli altri.

3) Che titolo hai conseguito? Il precorso per diventare Real Estate?

Ho ottenuto la licenza dello Stato della Florida come agente immobiliare nel 2014, ma ho continuato gli studi ed ottenuto la CIPS (Certified International Property Specialist) e la GMA (Global Market Agent). Nel 2016 sono stato premiato come “Agente Italiano dell’Anno” ed invitato dall’Ambasciata Italiana a Washington DC. Attualmente, sto studiando per ottenere la licenza General Contractor nello Stato della Florida, che mi permetterà anche di costruire e fare investimenti più importanti, sia con investitori Italiani che del Sud America.

4) L’andamento del mercato immobiliare in usa oggi?

In questo momento siamo ancora in un “Seller’s Market”, cioè chi vende ha il controllo. Questo succede quando l’economia sta bene e ci sono più acquirenti rispetto agli immobili in vendita. Secondo il mio punto di vista e’ sempre il momento giusto per investire nel mercato immobiliare, bisogna solo adattarsi e cambiare le regole del gioco in base al mercato. Se il mercato e’ buono (come adesso), si compra maggiormente per una rivendita veloce e si guadagna sulla differenza tra l’acquisto (da banche, aste, ecc) e vendita al pubblico (dopo aver ristrutturato e aggiunto valore all’immobile). Quando l’economia ed il mercato vanno male, allora e’ il momento di acquistare e fare investimenti a lungo termine, mettendo gli immobili a reddito (commerciale o residenziale), oppure si acquistano terreni a poco prezzo con progetti da sviluppare quando il mercato risalirà. Quindi e’ sempre possibile guadagnare, bisogna solo aspettare il momento giusto.

5) Investire nell’ immobiliare. Quali sono i rischi?

Sinceramente, a meno che non si compri ad occhi chiusi, o ci si lascia “fregare” da un incompetente, investire nell’immobiliare negli Stati Uniti ha davvero pochi rischi, direi ZERO. Nel peggiore delle ipotesi non si guadagna molto, o quasi niente, ma l’investimento iniziale e’ sempre protetto perché gli USA hanno un mercato sicuro. Qui in Florida per esempio la legge tra proprietario ed inquilino e’ completamente a favore del proprietario.  Non esiste che un inquilino resti per più di 30 o 45 giorni senza pagare l’affitto. Se si hanno dei soldi sotto il materasso, o fermi in banca a guadagnare il 0%, consiglio vivamente di considerare la possibilità’ di investire in Florida.

6) Oggi, va di moda il flipping: comprare, ristrutturare e rivendere?

Si, oggi va fortissimo il Flipping. Praticamente comprare una casa o un condominio, ristrutturare/aggiustare/decorare e rivendere ad un prezzo più alto. Ultimamente ho iniziato a farlo anche io, sia personalmente che per i clienti e devo dire che non e’ solo affascinante come progetto, ma anche remunerativo. La chiave e’ sapere dove comprare ed avere una grande conoscenza nel campo edile. Consiglio di affidarsi a professionisti.

7) Sono previsti minimi e massimi capitali da investire?

Non c’e’ un importo minimo o massimo per l’investimento. Logicamente se la cifra non e’ consistente, facciamo Join Venture, in questo caso l’investimento viene fatto con il capitale di più persone. C’e’ anche da considerare che se il capitale e’ sostanziale si può anche richiedere ed ottenere il permesso di soggiorno per l’investitore e la sua famiglia. In questo caso suggerisco di consultare un avvocato esperto in immigrazione. Ma nella maggior parte dei casi, chi vuole investire dall’Italia compra immobili a reddito residenziale.

 8) Hai delle strategie che consigli agli investitori?

Io offro un servizio completo in questo campo. Fornisco consulenze, faccio ricerche e studio di mercato, individuo l’investimento giusto, mi occupo della parte burocratica dai contratti a tutto il resto fino al passaggio di proprietà, offro anche la gestione degli immobili ed infine il servizio di ristrutturazione e costruzione. Praticamente tutti gli aspetti dell’investimento dalla A alla Z.

9) Quanto e’ il rendimento su una proprieta’ rispetto all’ Italia?

La chiave di tutto è il profitto sull’investimento. Un esempio semplice e’ quello su immobili residenziali a reddito. Mentre in Italia il profitto annuo sull’investimento fatto e’ tra l’1% ed 2%, in Florida si aggira tra il 7% ed il 10%. Quindi se si acquista un immobile di $200,000, bisogna aspettarsi un guadagno annuo tra $14,000 e $20,000, non male!!!

Ed e’ per questo che ho molti clienti italiani che vogliono investire sul “mattone” americano perchè si può ottenere un miglior reddito sull’investimento, si possono spostare i soldi in un mercato più sicuro e si può addirittura ottenere la Visa e spostare la famiglia negli States.

10) Come e’ oggi la tua vita? quante proprieta’ hai?

In questo momento con mio fratello abbiamo 75 appartamenti, 1 lotto ad uso commerciale e 2 case in costruzione; invece con la famiglia di mia moglie abbiamo un Campo da Golf a 18 buche su 91 ettari. Tutto qui per adesso, ma ci stiamo preparando ad altre avventure in Florida.

 11) A parte l’aspetto professionale coltivi anche una passione artistica? 

Logicamente non si può vivere solo di lavoro, ANZI!!! Non rinuncio e non trascuro le cose a cui tengo di più, mia moglie e le mie 2 bellissime bambine di 11 e 8 anni, la passione per la musica che mi ha fatto viaggiare in tutti gli Stati Uniti cantando con una band Italiana per i nostri connazionali sparsi negli States .

Marilena Alescio

Recommended For You

About the Author: PrM 1