Calcio. Salvini: club pagheranno agenti, PD non ha mai applicato norma

Emendamento Lega a DL Sicurezza

(DIRE) Roma, 13 Ott. – Forze dell’ordine alle partite di calcio, i club professionistici copriranno parte dei costi. È l’obiettivo di un emendamento annunciato dalla Lega al Decreto sicurezza, e che prevede che le societa’ versino una quota tra il 5 e il 10% degli incassi al botteghino. Nella stagione 2016/2017, durante gli incontri di calcio professionistico (Serie A, B e Lega Pro: partite di campionato e coppa) sono state impegnate 213.218 unita’ delle forze di polizia (costo complessivo di 34.274.445,44 euro). Nella stagione 2017/2018 le unita’ impiegate complessivamente sono state 203.957, per un costo di 32.021.678,57 euro. Secondo alcune stime, con l’applicazione della proposta leghista verrebbe coperta una fetta consistente della spesa che ora e’ a carico dei contribuenti. Eppure, ieri, Matteo Renzi ha rivendicato di aver già approvato un meccanismo per far pagare i club. Ma non è esattamente cosi’, spiega il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “La norma è dell’ottobre 2014, epoca del governo Renzi, e non è mai stata attuata. Chi risponderà dei mancati introiti per l’erario?”. E poi: “Renzi ha rivendicato di aver già approvato la norma, peccato che prevedesse l’adozione di un decreto attuativo che, a distanza di quattro anni, non ha mai visto la luce- aggiunge Salvini- Risultato: tutto fermo. Risultati, zero. Peraltro, nell’ipotesi del PD i club avrebbero dovuto versare una quota tra l’1 e il 3 per cento degli incassi totali del botteghino, mentre nell’emendamento in lavorazione si parla di una quota tra il 5 e il 10%”. “Ancora una volta dal centrosinistra arrivano tante chiacchiere: a noi il compito di passare dalle parole ai fatti”, conclude Salvini. (Pol/ Dire) 09:40 13-10-18

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano