Terremoto. Proposta Amatrice: Conte convochi CDM in aree sisma

Se non ci daranno le risposte che chiediamo, scenderemo in piazza. (DIRE) 17 Gen. – “Chiederei al presidente del Consiglio Conte di tenere un Consiglio dei ministri nelle zone terremotate per darci delle risposte e se non ce le daranno in primavera, prima delle elezioni, scenderemo in piazza”. È la proposta avanzata dal sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, agli amministratori che hanno partecipato all’assemblea dei primi cittadini dei Comuni del cratere del sisma del 2016 in corso a Camerino nella sede dell’Universita’. Al termine dell’iniziativa, convocata dal sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, e’ emersa la volonta’ di istituire un comitato interregionale dei sindaci che dovra’ definire e condividere la bozza di documento programmatico presentata oggi. Atto che dovra’ poi essere sottoposto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in attesa di risposte che se non arriveranno spingeranno i sindaci in primavera alla manifestazione in piazza a Roma. “Dobbiamo cambiare le regole- dice Palombini-. Le persone che devono essere ascoltate sono i sindaci. Proviamo a fare un documento per mettere a fuoco tutti i temi che dobbiamo affrontare. A partire dal fatto che serve una nostra legge. Serve perche’ non si puo’ soltanto pensare a ricostruire le case ma occorre ricostruire le comunita’, i territori e il mondo economico. E non possiamo pensare che ogni Governo dedichi 3 o 4 emendamenti al sisma del Centro Italia del 2016. L’ultimo treno e’ adesso. Se staremo insieme ci ascolteranno”. Il sindaco di Pieve Torina, un altro dei Comuni piu’ colpiti, Alessandro Gentilucci ha proposto di chiedere al Governo di “convocare un Consiglio dei ministri all’interno di un container, cosi’ da fare capire come si vive da terremotati, poi daremo il documento al premier e, qualora non dovessimo avere risposte, scenderemmo in piazza a Roma con la fascia”. Ha aderito agli obiettivi del documento e alle proposte dell’assemblea anche il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, del Movimento 5 Stelle. La bozza di documento ora verra’ visionata dai vari amministratori che entro una decina di giorni presenteranno le proprie osservazioni. Una volta definito il testo verra’ consegnato al premier Conte.
(Luf/ Dire) 18:28 17-01-19

Recommended For You

About the Author: PrM 1