Genova. MEF anticipa primi 60 mln per lavori al ponte

(DIRE) Genova, 7 Feb. – Il commissario straordinario per la ricostruzione e sindaco di Genova, Marco Bucci, avrà subito a disposizione i primi 60 milioni per pagare la ricostruzione del viadotto sul Polcevera. Nell’immediata vigilia dello smontaggio della prima parte dell’impalcato, che verrà fatto scendere a terra domani alla presenza del premier Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia e delle finanze, Giovanni Tria, ha firmato stasera il decreto che, di concerto con il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, autorizza l’immediata attivazione dell’anticipo di spesa, come previsto dalla legge Genova, in attesa che si concluda la trattativa con Società Autostrade. Il decreto Genova, convertito in legge, autorizza la spesa di 30 milioni all’anno dal 2018 al 2029 a garanzia dell’immediata attivazione del finanziamento come anticipo del versamento, cui è obbligato il concessionario, delle somme necessarie all’integrale realizzazione degli interventi a cura del Commissario straordinario. Le opere di demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi, assieme agli espropri e agli indennizzi, costano 449 milioni. Tra le voci di spesa, la costruzione del nuovo viadotto dovrebbe costare circa 220 milioni, 20 sono previsti per la demolizione, altri 72 milioni per gli indennizzi agli sfollati. Al momento da Aspi sono arrivati solo 115 milioni, 72 dei quali per le abitazioni degli sfollati e 43 per terreni, capannoni, posti auto e altre proprietà incluse nelle zone sgomberate per l’emergenza.
(Sid/ Dire) 20:48 07-02-19

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano