Governo. Renzi: Italia è in grado di uscire da sabbie mobili

“Serve impegno tutti, basta cialtroni”; bagno di follia a Bologna

(DIRE) 16 Feb. – “L’Italia e’ nelle condizioni di ripartire e di uscire dalle sabbie mobili. Ma c’e’ bisogno dell’impegno di tutti”. A dirlo e’ l’ex premier Matteo Renzi, questa mattina a San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna, per presentare il suo nuovo libro. “Un’altra strada”, e’ il titolo, che Renzi ci tiene a precisare essere riferito solo “al Governo di Lega e 5 stelle”, non al Pd. “Ho 44 anni e sono gia’ un ex- sottolinea Renzi- ma non ho la preoccupazione di cosa faro’ da grande. Mi preoccupa cosa l’Italia fara’ da grande”. L’ex premier attacca i gialloverdi. “La loro incapacita’ rischia di fare danni a nostri figli e ai nostri nipoti- afferma Renzi- in sei mesi la loro incompetenza ci sta portando in recessione, dopo i nostri 14 semestri consecutivi di crescita. Hanno iniziato una strategia di demolizione della fiducia. Deve finire questa stagione di incompetenza e cialtroneria”. L’ex leader Pd rivendica la differenza del suo Esecutivo rispetto al Governo attuale, in particolare sui temi del lavoro e dell’immigrazione, e non si fa pregare a elargire battute pungenti contro Salvini, Di Maio e Toninelli. In prima fila ci sono i fedelissimi Maria Elena Boschi, Francesco Bonifazi ed Ernesto Carbone. Ci sono i parlamentari bolognesi Pierferdinando Casini e Francesco Critelli, la consigliera regionale Manuela Rontini e il sindaco di San Lazzaro Isabella Conti, a fare gli onori di casa. In platea a San Lazzaro c’e’ anche la sorella di Renzi, Benedetta, ex assessore a Castenaso, e c’e’ il segretario provinciale del Pd di Bologna, Luigi Tosiani, a fare presenza ‘istituzionale’ a nome del partito. In prima fila c’e’ anche Benedetto Zacchiroli, gia’ capo staff dell’ex premier, ultimo renziano rimasto a Palazzo Chigi con l’incarico (scade nel 2020) affidatogli da Gentiloni di seguire i rapporti tra Governo e confessioni religiose. E poi, naturalmente, ci sono i fan adoranti. Dopo la prima tappa della mattinata a Sasso Marconi, riempiendo il teatro comunale, Renzi arriva poco dopo le 11.30 all’auditorium di Conserve Italia a San Lazzaro. E viene accolto quasi con religiosita’. “Torna Matteo, sei la luce”, gli dicono dalla platea alcune signore. Ma a far breccia e’ soprattutto un’87enne di nome Flora Monti, staffetta partigiana durante la Resistenza, quando di anni ne aveva 14. Durante il discorso di Renzi, piu’ volte la signora Flora interviene per rispondere e sostenere l’ex premier. “Signora alle prossime primarie facciamo il ticket: lei comanda e io faccio il gregario”, scherza Renzi tra gli applausi, abbracciandola poi al termine della mattinata, quando la signora viene accompagnata sul palco durante il momento del firma-copie. (San/ Dire) 16:51 16-02-19

Recommended For You

About the Author: PrM 1