Stop a Valmontone per la Mood Project. La Virtus vince 86-84

Seconda sconfitta consecutiva per la Mood Project Reggio Calabria. I neroarancio, privi di capitan Fallucca, escono sconfitti dalla “Tensostruttura” di Valmontone per 86-64. Prova sottotono per una Viola scarica ed imprecisa. Padroni di casa avanti nel punteggio per tutto il match, trascinati da Grilli e Scodavolpe, mortiferi dall’arco. Alla Mood Project non bastano le doppie cifre Carnovali (15) e Fall (14).
IL MATCH
Coach Mecacci deve rinunciare al capitano Matteo Fallucca ancora alle prese con una fastidiosa fascite plantare. Nobile in quintetto con Alessandri, Agbogan, Fall e Paesano. Valmontone risponde con Ugolini, Grilli, Scodavolpe Pichi e Bisconti. L’avvio è tutti per i padroni di casa. Le triple di Grilli e i canestri di Bisconti firmano il 12-0 di parziale da incubo  con cui inizia un match tutto in salita per i neroarancio. Mecacci deve subito fare i conti con una difficilissima situazione falli, Carnovali ed Agbogan muovono il tabellino di Reggio (17-10) ma Valmontone è brava a rispondere puntualemente. Ancora Bisconti chiude un primo periodo nervoso in cui la Viola lamenta anche qualche dubbia interpretazione arbitrale. Le proteste costano il fallo tecnico a Vitale (21-10).
Fall prova a catalizzare l’attacco reggino, al senegale però risponde Scodavolpe, ispirato dall’arco. Valmontone conserva la doppia, Paesano e Nobile provano a tenere la Mood in scia ma è ancora Scodavolpe in chiusura del secondo periodo e far riscappare via la Virtus. 44-27 all’intervallo lungo. Nobile e Fall aprono il terzo periodo. Valmontone si affida però al talento del solito Grillo, le sue triple portano i padroni di casa sul 52-31. La Viola si affida invece a Carnoali ed Agbogan (52-37).La  Viola aumenta l’intensità difensiva, Mecacci si vede sanzionare un fallo tecnico dopo le proteste, ma la Virtus è brava a rispondere al tentativo di rimonta reggino.
La Viola continua sulla falsa riga degli ultimi minuti. Difesa ed attacco più ordinato. Nobile e Carnovali riducono il divario costringendo Mattioli al time out (60-53). La Mood spreca però gli attacchi che potrebbero lanciare la volata finale, dall’altra parte Scodavolpe è glaciale dall’arco, le sue triple valgono il 71-53. La Viola sogna una rimonta che non arriva. Negli ultimi minuti prevale ancora una volta il nerovismo, l’antisportivo di Alessandri e i tecnici ad Agbogan e Paesano scrivono la parola fine al match. Termina 86-64.
Virtus Valmontone – Mood Project Reggio Calabria: 86- 64 (21-10; 23-17; 16-22;  26-15)
Virtus Valmontone:  Grilli 20, Pichi , Livelli 5 , DiPoce 6, Ruiu 7 Ugolini 3, Arnaut, Misolic, Pierangeli 4, Scodavolpe 20, Sabbatino n.e, Bisconti 21. Coach: Mattioli. Assistente: Cecconi
Mood Project Reggio Calabria: Ciccarello, Grgrurovic n.e , Fall 15, Fallucca n.e, Agbogan 6 Carnovali 14, Paesano 8, Nobile 10, Vitale 4. Coach: Mecacci, Ass.ti: Trimboli , Motta.
Arbitri: Lillo, Acella

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano